Quando si avvia una coltivazione di cannabis, grande o piccola che sia, le opzioni sono sempre due: iniziare dai semi di marijuana o dai cloni?

In questo articolo parleremo dei pro e dei contro di ciascuno, per poter crescere come professionista. 

Come funzionano i cloni di cannabis?

I cloni, comunemente chiamati talee, sono porzioni di un'altra pianta che solitamente attecchiscono in un substrato. Possono anche essere radicati in mezzi aeroponici o idroponici senza substrato.

È una forma di riproduzione molto utilizzata, non solo nella coltivazione della cannnabis. Le talee solitamente somigliano alle piante da giardino come ortensie o cespugli di rose, o ad alberi da frutto come gli ulivi o fichi.

Di per sé, un clone (o talea) è una copia identica di sua madre, con tutti i suoi pregi ma anche con tutti i suoi difetti.

Pro e contro dell'uso di cloni di cannabis

I vantaggi della coltivazione di cloni di marijuana sono diversi. Essendo una copia esatta della madre, puoi sempre prevedere come si comporterà.

È importante che una pianta madre sia stata selezionata in base a determinati criteri. In base alla sua alta produzione o velocità di fioritura, al suo sapore, ai suoi effetti o resistenza ...

È importante che una pianta madre sia stata selezionata in base a determinati criteri. In base alla sua alta produzione o velocità di fioritura, al suo sapore, ai suoi effetti o resistenza

Non ha senso coltivare i cloni di una pianta che non è stata testata. E se non ci piacesse il suo sapore?

E se avesse una produzione bassa o non molto potente?

Conoscendo il comportamento della pianta madre, conosceremo appieno la varietà di cannabis che stiamo coltivando. Avrà lo stesso periodo di fioritura, la stessa resistenza, assimilerà la stessa quantità di nutrienti e, ovviamente, avrà lo stesso sapore, gli stessi effetti … e la stessa resa.

Se la madre è super produttiva, lo saranno anche le sue talee. Un altro grande vantaggio è che una talea, non importa quanto piccola, avrà un'età adulta sin da subito. In altre parole, la fioritura può essere indotta anche se è appena di 10 cm.

Una pianta che nasce dal seme non fiorirà fino a quando non raggiunge questa età adulta. Questo accade circa un mese dopo la nascita.

Ciò è molto utile per la coltivazione in SOG, una tecnica che prevede la coltivazione di un gran numero di piccole talee in piccoli vasi.

Ogni talea non crescerà più di 30-40 cm e avrà una grande resa con cime grandi e, in quanto piccole, riusciranno a catturare molta luce.

Queste colture “SOG” si distinguono anche per la loro velocità, poiché dureranno finché dura la fioritura. Nelle varietà veloci, il tempo potrebbe essere di circa 50-55 giorni in totale.

Per quanto riguarda gli svantaggi delle talee di cannabis, è che a volte sono difficili da ottenere.

Queste colture “SOG” si distinguono anche per la loro velocità, poiché dureranno finché dura la fioritura.

A meno che tu non conosca qualcuno che possa fornirti le talee, diventa molto difficile ottenere cloni di qualità. Quindi, una buona soluzione è fare la propria selezione di una pianta madre partendo dai semi di marijuana.

Un altro grande svantaggio è che a volte le talee possono presentare alcuni scomodi inquilini come il ragno rosso o i funghi. È sempre consigliabile fare loro un trattamento appena tornati a casa e tenerli in quarantena per qualche giorno.

Come funzionano i semi di marijuana

I semi sono il principale metodo di riproduzione delle piante. Nel caso dei semi di marijuana, avranno il 50% dei geni del padre e l'altro 50% dei geni della madre.

Il cosiddetto genotipo è l'informazione genetica presente nel DNA. Il fenotipo è il tratto osservabile che si verifica come conseguenza di quel genotipo.

Ad esempio, l'incrocio tra un'Indica e una Sativa può mostrare più tratti di Sativa come foglie strette o piante più alte.

Ma può anche mostrare cime strette o profumi di Indica.

Pro e contro dell'uso dei semi di cannabis

Diversi sono anche i vantaggi dei semi di marijuana. Un seme può sempre offrire una variabilità genetica maggiore di una talea.

In una confezione da 10 semi di marijuana, ad esempio, possono emergere piante con fenotipi diversi che possono presentare aromi, sapori e persino effetti diversi.

In una confezione da 10 semi di marijuana, ad esempio, possono emergere piante con fenotipi diversi

Tuttavia questo può essere uno svantaggio se si desiderano coltivazioni senza grandi differenze tra le piante. Le variazioni includono anche l'altezza. A volte, può giocare a nostro sfavore l’utilizzo di spazi ristretti per la crescita, specie se si tratta di coltivazione indoor.

Un altro grande vantaggio, acquistando semi di marijuana, è che oggi ne esistono centinaia di varietà. L'offerta diventa illimitata e ci sarà sempre una varietà adatta al coltivatore.

Diverse banche del seme propongono semi femminizzati, che garantiscono sempre piante femmine, semi regolari, semi per varietà autofiorenti, ibridi, Indica pura, Sativa pura ... con un alto contenuto di THC, con pochissimo THC e molto CBD, con un alto contenuto di cannabinoidi minori come THCV o CBDV ...

Per quanto riguarda gli inconvenienti, la crescita da seme è sempre più lenta rispetto a quella da talea. Abbiamo già discusso del fatto che le piante di cannabis non fioriranno fino a quando non raggiungono l'età adulta.

Quindi, dovremo aspettare almeno un mese in fase vegetativa affinché la pianta fiorisca. Se aggiungiamo il periodo di fioritura, arriveremo a circa 12 settimane in totale nelle varietà a fioritura rapida.

Si possono ottenere le talee da semi autofiorenti?

Le piante autofiorenti non rispettano il fotoperiodo, hanno una durata “programmata” e quindi non è possibile realizzare cloni da semi autofiorenti, in quanto non avremo il tempo per far sviluppare la porzione di ramo con le radici.

Conclusione

I cloni garantiranno sempre colture più omogenee rispetto ai semi e se conosci la madre, puoi sapere cosa aspettarti.

D'altra parte, con i semi di marijuana, c'è molta più varietà e sono più facili da acquisire. La decisione, come sempre, spetterà a te.