Creare nuove piante dalla genetica preferita o i fenotipi più caratteristici è estremamente semplice e divertente, occupa poco spazio e può diventare un'arte. In questo articolo vedremo come creare e mantenere le piante madri per ottenere buone talee di Canapa Legale o Pianta di Cannabis.

Fare una pianta madre è qualcosa di veramente semplice, ci aiuterà a mantenere quella genetica di quel tipo di pianta che ci piace così tanto, o qualche fenotipo specifico che non vogliamo perdere. 

La produzione di talee varierà a seconda della cura che dedichiamo ad ogni pianta.

Può essere relativamente semplice ottenere decine di talee se eseguiamo potature selettive durante la loro crescita, cercando di ramificare la pianta al massimo e quindi aumentare il numero di rami disponibili.

Il punto più importante quando si produce una pianta madre è controllare il periodo di luce.

Mantenendolo sempre 18 ore di luce e 6 ore di buio o direttamente 24 ore continue di luce, impediremo alla pianta di fiorire. 

A seconda delle dimensioni della pianta madre useremo più o meno lumen. Per fare un esempio: una pianta madre in un contenitore da tre litri può essere perfettamente mantenuta sotto una lampadina a bassa energia da dieci o quindici watt. Quando vogliamo aumentare la velocità di crescita, sarà sufficiente aumentare il numero di watt dando così più lumen alla pianta che ne stimolerà la crescita.

Il numero di talee che otterremo da ciascuna pianta madre varierà a seconda delle dimensioni della stessa e delle potature selettive che abbiamo effettuato. 

Quindi, se vogliamo una pianta che fornisca molte talee, cercheremo di tenerla in un contenitore più o meno di cinque o sette litri, con una buona illuminazione e buone potature.

Se al contrario vogliamo solo mantenere la genetica per prendere un paio di talee basterà un piccolo contenitore e un'illuminazione minima, senza la necessità di alcuna potatura speciale

Possiamo persino eseguire madri bonsai per occupare il minimo spazio possibile .

Se ogni volta che tagliamo un ramo lasciamo un nodo sotto il taglio, ne usciranno due nuovi rami. Se dopo aver tagliato questi nuovi rami lasciamo un altro nodo al di sotto del taglio otterremo quattro nuovi rami assicurando così una produzione continua di nuovi rami e aumentando costantemente il numero di questi. 

Ecco perché eseguire una buona potatura mentre formiamo la nostra pianta madre ci garantirà un buon numero di talee.

A seconda delle dimensioni finali che desideriamo per la nostra pianta madre, utilizzeremo un contenitore di capacità maggiore o minore, come al solito nelle piante madri da interno di medie dimensioni di circa tre o cinque litri. 

Piante madre da cui prelevare le talee

Piante madre da cui prelevare le talee

Quando la pianta madre ha completamente colonizzato il contenitore, è conveniente eseguire una potatura delle radici per impedirne la fioritura. In contenitori medi di solito si verifica ogni 3-4 mesi e sarà sufficiente falciare il fondo della zolla e un po 'le radici laterali della zolla, facendo attenzione a non tagliare la base della pianta. Sfruttando la potatura possiamo sostituire gran parte del substrato con uno nuovo ricco di azoto, fornendo così buoni nutrienti ed eliminando il vecchio substrato saturo di sali.

La potatura delle radici è obbligatoria se vogliamo mantenere bene le nostre piante madri, poiché quando le piante colonizzano l'intero contenitore ed esauriscono lo spazio per sviluppare nuove radici, tendono a fiorire indipendentemente dal ciclo di luce che hanno. 

Un altro punto da tenere a mente per mantenere le piante madri in condizioni ottimali, è quello di fare attenzione ai parametri di temperatura e umidità.

Le condizioni ottimali per interni sono una temperatura media di 24/26 gradi e un'umidità relativa costante tra il 60/70 percento

Con i punti menzionati finora e occasionalmente applicando alcune precauzioni naturali per evitare parassiti di insetti o funghi, avremo piante madri sane ed efficienti.

Se partiamo dal seme lasceremo crescere la pianta per avere circa quattro nodi, eseguendo una potatura apicale (tagliando la punta della pianta), stimolando così la crescita dei rami laterali. 

Se partiamo da una talea sviluppata sarà sufficiente lasciare un paio di nodi prima di eseguire la potatura apicale. La differenza tra partire dal seme o dalla talea è solo il numero di nodi da lasciare, poiché partendo dal seme lasceremo completamente i primi due nodi usando i due successivi per modellare la nostra pianta madre.

Una volta che i rami si sono sviluppati con circa tre o quattro nodi per ramo, li piegheremo e applicheremo anche una potatura apicale per stimolare i rami dei nodi e quindi ottenere una madre ben ramificata . 

Faremo lo stesso con i rami del nodo inferiore quando si sono sviluppati bene, poiché questi tendono ad andare un po 'più lentamente. Piegando i rami faciliteremo l'assorbimento dei lumi dalle piccole gemme dei nodi che sono più attaccati allo stelo, ottenendo così una crescita omogenea di tutti i rami. 

Come abbiamo commentato in precedenza, quando questi nuovi rami crescono e li tagliamo per ottenere talee, lasceremo sempre almeno un nodo sotto ogni taglio, assicurando così due nuovi germogli per taglio. Come in ogni cosa, ci sono molti modi per eseguire la potatura che determinerà la produzione di talee delle nostre piante di canapa madri. 

Talee, porzioni di ramo per piante perenni

Talee, porzioni di ramo per piante perenni

Una volta che abbiamo visto come creare le nostre piante madri, niente di meglio che vedere come trarne vantaggio, ottenendo da loro le talee che entreranno nel nostro prossimo raccolto

Con questo cerchiamo di coltivare una varietà già conosciuta senza la necessità di partire dai semi di cannabis, risparmiando così qualche euro e tempo, poiché il periodo di crescita è notevolmente ridotto rispetto alla coltivazione da seme. Garantiamo anche fenotipi estremamente omogenei, poiché le talee legnose sono identiche al 99,9% per comportamento e produzione alle piante madri.

Per ottenere tipi di talee sane e idratate, dobbiamo innaffiare la pianta che andremo a tagliare con almeno quattro o cinque ore di anticipo, essendo conveniente averla annaffiata abbondantemente il giorno prima. 

In questo modo, i rami che utilizzeremo saranno ben idratati e resisteranno meglio allo shock di iniziare a sviluppare nuove radici. 

Una mini serra per lo sviluppo delle radici

Una mini serra per lo sviluppo delle radici

Le talee dovranno essere messe in uno spazio di lavoro pulito e disinfettato, per evitare batteri che possono danneggiare le nostre nuove talee. 

Avremo bisogno di un taglierino o bisturi, ormoni radicanti, un pennello, un bicchiere d'acqua con PH corretto e la nostra pianta madre a cui taglieremo i rami per ottenere talee. Inoltre del substrato su cui impianteremo le nuove talee, ed una mini serra.

Sul substrato o sul supporto su cui si radicano le nuove talee ci sono una moltitudine di opzioni, come l'uso dei classici jiffis o la lana di roccia. A seconda del mezzo avremo anche bisogno di utilizzare diversi valori di pH e stimolatori come Clonex

Riempi il letto di semina con un substrato sciolto in sostanze nutritive (leggere) e annaffialo con acqua con un pH compreso tra sei e sei con quattro. 

Non è necessario aggiungere alcuno stimolatore radicale. Una volta annaffiati faremo dei buchi con l'aiuto della punta superiore del pennello facilitando così l'inserimento delle talee appena tagliate che stiamo per impiantare.

Una volta preparato il mezzo in cui inserire le talee, procederemo a tagliare i rami della nostra pianta madre mettendoli in un bicchiere d'acqua per evitare che lo stelo venga esposto all'aria. 

Dobbiamo tenere presente che i rami che utilizziamo per fare le talee devono avere almeno tre o quattro nodi, poiché almeno dobbiamo seppellire un nodo consigliato due, lasciando uno o due sopra il substrato. 

La cosa normale nelle piante con distanze tra gli internodi medie è di tagliare i rami da sei a quindici centimetri per fare le talee.

Una volta che abbiamo tagliato il ramo giovane, con l'aiuto del bisturi o del taglierino taglieremo anche il ramo dell nodo che lasceremo nella terra (o i nodi) e la base dello stelo con un angolo di 45 gradi.

Tagliare la base con quell'angolo è quello di fornire la massima superficie su cui applicare gli ormoni radicali, cosa che faremo con l'aiuto del pennello sia della base che del nodo o dei nodi che stiamo per interrare.

Una volta applicati gli ormoni radicali, che consiglio sempre che siano liquidi per la loro facilità d'uso, posizioneremo il ramo nel letto di semina sfruttando i fori che avevamo precedentemente preparato.

Una volta inserito, premeremo leggermente il substrato attorno allo stelo in modo che sia in completo contatto con la parte interrata. 

Quando avremo inserito tutti i rami che vogliamo radicare, lo posizioneremo all'interno di uno svernamento a cui spruzzeremo acqua attraverso il pavimento e le pareti una volta al giorno, senza spruzzare direttamente sulle foglie delle talee. 

Con questo garantiremo un'umidità elevata all'interno della serra durante i primi giorni, poiché i rami non hanno ancora radici per idratarsi, e quindi dovranno farlo attraverso le foglie. 

Fino a quando devono restare nella mini serra?

Fino a quando devono restare nella mini serra?

Seguendo questi semplici passaggi dovremmo radicare tutte le nostre talee in circa 15 giorni. 

Lasceremo la serra completamente chiusa per i primi cinque giorni, mantenendo così un livello molto elevato di umidità. Quindi apriremo lentamente il portello o il coperchio della serra, nei giorni rimanenti, facendo diminuire progressivamente l'umidità ma senza cambiamenti molto bruschi. 

Dopo due settimane e mantenendo i corretti parametri di umidità e una temperatura intorno ai 26 gradi, possiamo osservare le radici delle nuove talee, che sono pronte per essere trapiantate.

Un errore molto comune quando si fanno le talee è quello di mettere un'illuminazione eccessiva sulla serra. Per una serra media di circa cinquanta centimetri, sarà sufficiente una semplice lampadina da 20 watt o tubi fluorescenti. 

Quando le talee hanno radici possiamo aumentare l'illuminazione senza problemi. 

Anche la temperatura è molto importante, essendo raccomandato l'uso di serre riscaldate invernali poiché con una temperatura eccessivamente bassa o alta, le talee non si svilupperanno bene o semplicemente moriranno.

Vi ricordo che coltivare Cannabis in Italia è ancora illegale nonostante l'ultima sentenza della cassazione che riconosce la coltivazione per uso personale.

Potete restare allenati coltivando Cannabis al CBD partendo da uno dei semi certificati, dove valgono le stesse regole di coltivazione ed è legale!