Consegna 24/48h

  Consegna Gratis per ordini > 70€

  Pacco Anonimo


Cenni sul CBD

Il cannabidiolo comunemente chiamato CBD è un composto di cannabis che ha significativi benefici medici, senza apportare effetti psicoattivi (sensazioni di STONED) che ha il THC. Di fatto la cannabis ricca di CBD è un alternativa valida per i pazienti che cercano sollievo da infiammazione, dolore, ansia, psicosi, convulsioni, spasmi e altre condizioni e non vogliono avere effetti psicoattivi .

Si stima che il mercato degli Stati Uniti per i prodotti della CBD valga $ 2,1 miliardi entro il 2020, in aumento del 700% rispetto al 2016; l'Agenzia mondiale antidoping ha rimosso il CBD dal suo elenco di sostanze vietate; la Food and Drug Administration ha appena approvato un farmaco per l'epilessia contenente olio di CBD per la prima volta.

La ricerca scientifica e clinica, in gran parte sponsorizzata dal governo degli Stati Uniti, sottolinea il potenziale del CBD come trattamento per una vasta gamma di condizioni, tra cui artrite, diabete, alcolismo, SM, dolore cronico, schizofrenia, PTSD, depressione, infezioni resistenti agli antibiotici, epilessia e altri disturbi neurologici. Il CBD ha effetti neuroprotettivi e neurogenetici dimostrabili, e le sue proprietà anti-cancro sono attualmente oggetto di indagini presso diversi centri di ricerca accademici negli Stati Uniti e altrove.

Cos'è il CBD?

La pianta di cannabis contiene più di 100 diversi composti chimici noti come cannabinoidi, che interagiscono con il sistema endocannabinoide del corpo in modi che i ricercatori stanno ancora lavorando per la comprensione.

Uno di questi cannabinoidi è il CBD, o cannabidiolo. Il CBD è non psicoattivo, il che significa che non altera la tua mente, ma con un sempre crescente numero di prove che ha molti benefici per la salute.

Sia CBD che THC hanno alcuni benefici medici. Sono entrambi considerati sicuri. Nonostante ciò, rimangono illegali in molti stati Stati.
Prima di acquistare o utilizzare uno di essi, conoscere le leggi nel proprio stato o dello stato che ci sta ospitando.
Inoltre, considera la possibilità di effetti collaterali e interazioni con altri farmaci che stai assumendo.

Parlate con il vostro medico se avete domande.

CBD vs THC: differenze

Con l'aumentare dell'uso legale della marijuana e di altri prodotti a base di cannabis, i consumatori sono sempre più curiosi delle loro opzioni.
Questo include cannabidiolo (CBD) e tetraidrocannabinolo (THC), due composti naturali presenti nelle piante del genere Cannabis.

Il CBD si trova principalmente nelle estrazioni dalla pianta di canapa. È venduto in gel, gommose, oli, integratori, estratti, infiorescenze ed altro ancora.

Il THC è il principale composto psicoattivo della marijuana. Può essere consumato fumando marijuana ma anche in oli, commestibili, tinture, capsule e prodotti alimentari.

Entrambi i composti interagiscono con il sistema endocannabinoide del corpo, ma hanno effetti molto diversi, nonostante le loro strutture chimiche simili, CBD e THC non hanno gli stessi effetti.

In effetti, il CBD è un composto non psicoattivo.




Siamo convinti che la canapa sia una risorsa straordinaria per diversi motivi.
Non ha bisogno di chimica per crescere, i suoi semi ed i suoi oli sono alimenti tra i più ricchi di proteine e nutrienti. Si può utilizzare nella BioEdilizia, si possono creare tessuti, resistenti e sostenibili.

Può avere scopi medici per allenire il dolore di gravi malattie e può curarne altre. In questi anni è ritornata ad essere anche un alternativa per tanti giovani che hanno difficoltà ad "inventarsi" come vivere.

La produzione della canapa in Italia è stata fiorente fino agli anni ‘40 del secolo scorso e ha subito un arresto dopo l’avvento dell’industrializzazione e del “boom economico”. Oggi in Italia, almeno secondo le stime della Coldiretti, sono attive oltre 300 aziende con un numero sempre crescente che coltivano un migliaio di ettari e vedono nella canapa una coltivazione che promette di garantire quegli utili che altre colture estensive ormai non assicurano più.

La L. n. 242/2016 ha espressamente riconosciuto l’uso legale della cannabis nei limiti del contenuto di principio attivo (il cosiddetto tetraidrocannabinolo o THC) inferiore allo 0,6 per cento”.

Questo significa che le “infiorescenze legali” che prima erano quasi tutti prodotti di scarto nella filiera della canapa industriale—per essere davvero legali e rimanere in commercio devono presentare un basso contenuto di THC (la parte "psicoattiva" della pianta, distinta dal CBD, quella con effetti rilassanti).

Non siamo medici e non è un sito che tratta cannabis terapeutica.

Ti consigliamo di rivolgerti ad un dottore specialista che saprà consigliarti come utilizzare la Cannabis Terapeutica per aiutarti a vivere meglio.

L'olio di CBD è stato studiato per il suo potenziale ruolo nel trattare molti problemi di salute comuni, tra cui ansia, depressione, acne e malattie cardiache.

Per quelli con cancro, può anche fornire un'alternativa naturale per il sollievo dal dolore e dai sintomi.

La ricerca sui potenziali benefici per la salute dell'olio di CBD è in corso, quindi è probabile che vengano scoperti nuovi usi terapeutici per questo rimedio naturale.

Sebbene ci sia molto da imparare sull'efficacia e sulla sicurezza della CBD, i risultati di recenti studi suggeriscono che il CBD può fornire un trattamento naturale sicuro e potente per molti problemi di salute.

I nostri prodotti non sono venduti per essere assunti. Se un automobilista viene trovato in possesso di marijuana o simile, le forze di polizia possono infatti disporne il sequestro al fine di analizzarne la composizione e stabilire se si trovi in possesso di sostanza stupefacente o meno. Nel frattempo, possono sospendere la patente ed imporre al sospettato di sottoporsi agli esami tossicologici per accertare se si trovi in una situazione di guida in stato alterato. Stessa cosa può accadere in caso di incidente con morti o feriti gravi: se se ne fa un uso abituale c'è la forte probabilità di risultare positivi.

Si, tutti i prodotti nel nostro sito web sono rivolti ad un pubblico adulto, con età maggiore di 18 anni.