Tempo

Quanto tempo ci vuole per far crescere una pianta di marijuana?

L'impazienza non è raccomandata in quasi tutti gli aspetti della vita, una delle poche cose che ho capito, ma per quanto riguarda la coltivazione di cannabis và evidenziato che è un aspetto fondamentale! Il corretto sviluppo nel tempo e nella forma della nostra pianta, sarà ciò che segna la differenza tra una buona pianta con grossi fiori, terpeni profumati, o una pianta triste con pochissimi fiori. Oggi parleremo del tempo di sviluppo regolare, ossia senza forzature, e delle diverse fasi che bisogna attraversare prima del raggiungimento dell'obiettivo finale ;) .

In questo articolo cercheremo di guidarti nel miglior modo possibile in modo che tu possa iniziare a coltivare la tua Canapa Legale.

La germinazione dei semi di cannabis

Definiremo come fase di germinazione quel periodo in cui il seme si sviluppa fino a diventare una piantina. Nel momento in cui stessimo usando talee questo tempo di germinazione coprirà dal momento della clonazione fino all'uscita delle prime radici.

Le tecniche per la germinazione sono di diverso tipo. Il più usato e raccomandato è quello che usa un tovagliolo o carta bagnata come base per il seme;
Tuttavia, ci sono molti che lo fanno con altri metodi meno raccomandabili: su cotone bagnato, direttamente a terra o disco jiffy o in acqua

Per tutte le altre ipotesi, questa volta è relativa. Dipenderà, non solo dal tipo di varietà, dalla marca, ma dalla qualità del seme stesso. Alcuni fattori determinanti saranno l'età del seme, la fertilità o meno di esso, o il modo in cui è stato conservato.

Il tempo necessario per far germogliare la piantina è in genere intorno alle 24-72 ore, anche se non è raro che possano durare fino a 5 o anche 8-10 giorni. Naturalmente, tenere conto delle condizioni di acqua e umidità, ossigenazione e, soprattutto, che la temperatura durante questa fase oscilla tra 21 e 24ºC.

In questa fase puoi usare Biobizz Toot Juice, uno stimolatore di radici biologico al 100%

La fase vegetativa

Cannabis

È la fase centrale nello sviluppo della nostra pianta e sicuramente, la più importante. Da questa fase dipende l'intero sviluppo della stessa e in ambiente outdoor in con il clima Italiano varia circa da quando esce la nostra pianta ad luglio/agosto.

Dopo che abbiamo effettuato il trapianto, inizierà la fase di crescita. Come indica il suo nome, in esso ila nostra pianta otterrà la sua crescita e acquisirà la morfologia e le dimensioni necessarie per procurarsi nel suo sviluppo la fase successiva, la fioritura.

Come tutti sappiamo, il fotoperiodo in questa fase sarà maggiore rispetto a quello precedente e successivo. Di solito, si consigliano diciotto ore di luce per sei ore di buio al giorno. Un giusto equilibrio tra luce e oscurità è la chiave del suo perfetto sviluppo.
Non solo la luce sarà importante (grazie alla fotosintesi) ma anche quelle ore di oscurità assoluta saranno fondamentali, poiché è quando avviene lo scambio gassoso essenziale per il metabolismo delle cellule vegetali.

Alcuni coltivatori utilizzano 24 ore di luce per fare prima, ma la pianta soffrirà, sarà più debole ed esposta a parassiti.

Questo periodo durerà più o meno a seconda del tipo di seme, della varietà e / o del tipo di coltura. In questo modo, l'auto-fioritura sarà più veloce di quella femminilizzata e, allo stesso tempo, le colture indoor saranno generalmente più veloci di quelle all'aperto. Allo stesso modo, usando una fonte di luce di maggiore potenza, cercherà una crescita più accelerata rispetto a lampadine di minore potenza.

È difficile stabilire con esattezza il tempo che la fase di crescita dura, come ogni altro periodo, a causa della quantità di fattori ambientali, vegetali ed esterni (fertilizzanti e competenza del coltivatore) che possono contrassegnare il raccolto. Di solito, all'interno, parleremo di 3 o 6 settimane (da 21 a 45 giorni) per autofiorenti e circa 6 o 8 settimane per femminilizzate.

Sebbene regolari e femminilizzati tendano a una stagione per la stagione outdoor che si aggira intorno agli 8-9 mesi di crescita, in un raccolto indoor possiamo decidere le condizioni climatiche e ambientali cercando di forzare la crescita più del solito e ridurre il suo ciclo ordinario.

Quindi se ci troviamo in un ambiente indoor, con luci artificiali, possiamo decidere quando la pianta ha una dimensione appropriata e i sarà il momento di cambiare il fotoperiodo per avviare il ciclo di fioritura.

In questa fase puoi usare Bio Grow, si adatta perfettamente ai mix di terra e ai diversi tipi di substrati.


Pre-fioritura

Pre-fioritura e fioritura!

Il suo inizio dipenderà, non più esclusivamente dal tempo di crescita che diamo alla pianta, ma anche dal fatto che ha le caratteristiche appropriate per sostenere quei preziosi germogli che saranno sviluppati e che quindi sopporteranno il peso delle "cime"

Quindi, se dopo un mese dalla germinazione, vediamo che la nostra pianta è debole o piccola e senza alcun segno di infiorescenze dovremo concentrarc di più sulla fase di crescita.

La pianta dopo la fase di pre-fioritura comincerà ad ingrossare i fiori, comincerà a profumare. Se nella fase vegetativa siamo stati atteni ai vari nutrienti, al vaso, e la pianta e cresciuta forte e sana vedremo i fiori che giorno per giorno crescono. In questa fase possiamo aiutarci con prodotti adatti per la fioritura ed altri integratori come i booster di fioritura, che tratteremo in un altro articolo.

Se parliamo di autofierenti sulle confezioni troveremo i giorni necessari per la fase vegetativa e per la fase di fioritura. Mentre se parliamo di semi normali o femminilizzati possiamo sapere sempre leggendo la confezioni di sempi se la pianta ha bisogno di 60 giorni o 90 addirittura 120 per la fioritura.

Arrivati nei giorni caldi dovremmo stare attenti a staccare le foglie gialle, solo quelle gialle, osservando che i fiori passino da un colore bianco a un coloro arancio/rosso, questo dipende anche dalla varietà di pianta che stiamo coltivando. Una volta che tutti i pistilli sono colorati la nostra pianta sarà pronta per il raccolto. Molti contivatori decidono la percentuale di colorazione dei fiori, fattore che ne influenza l'effetto.

La cosa importante quando si decide il termine della fioritura e quindi si procede alla pulizia delle radici e al taglio della pianta, è fondamentalmente che aspettiamo lo sviluppo totale delle gemme. Come accennato il fornitore ci darà indicazione sui tempi ma la cosa essenziale è che osserviamo che i boccioli si ingrassano per coprire o essere sepolti in essa la maggior parte dei pistilli.

Una volta sviluppato, il tempo di raccolta sarà caratterizzato dalla maturazione e dall'ossidazione progressiva dei pistilli e dei tricomi, acquisendo quel caratteristico colore ambrato / miele. In Italia siamo a Ottobre/Novembre meteo permettendo. L'autofiorente completerà generalmente il suo sviluppo finale in circa 6/9 settimane, dipende dalle varietà femminilizzate.

Possiamo sempre decidere di forzare la  fioritura di una pianta di marijuana come descritto in questo articolo.

In questa fase puoi usare Bio Bloom e Delta 9, aumenterà resina e tricomi, dando loro un peso ed una qualità finale maggiore

Essiccazione

Essiccazione

È necessario distinguere tra essiccamento e polimerizzazione. L'essiccazione è il primo dei trattamenti a cui

dobbiamo sottoporre il nostro raccolto.

Consistono, fondamentalmente, nel collocare in un luogo buio, fresco e asciutto tutti i boccioli tagliati e ben curati e puliti su una rete di asciugatura (ricordarsi di

pulire le radici con abbondante irrigazione alla fine del raccolto). Il mantenimento del prodotto avverrà ruotando giorno per giorno i germogli della rete o della rete, al fine di evitare la sua deformità e il suo insediamento sullo stesso lato.

Questo processo può durare, a secondo della posizione, della zona geografica, quindi l'umidità del luogo da due a quattro o più settimane.
Tuttavia, il segno di identità di una testa ben asciutta è quello di essere in grado di piegare il suo gambo, essere in grado di sentire il suo crock ma senza rompere, solo piegando.


Conservazione

Conservazione

Semplicemente, rimuovere e conservare tutti i germogli in un contenitore e lasciarlo riposare con un'aerazione continua. La conservazione può essere fatta in diversi contenitori, che siano plastica, vetro o legno; vetro e legno sono i più consigliati in quanto non emettono sostanze tossiche o odori.

Il contenitore in cui conserviamo la raccolta deve essere conservato allo stesso modo in un luogo buio, fresco e asciutto. L'unica cosa che dovremo fare è aprire il contenitore ogni giorno per circa cinque minuti in modo che la poca umidità rilasciata dallo stelo si perda progressivamente.

Questo processo di solito dura tra 2 e 6 settimane. Il punto giusto per la conservazione sarà quello in cui il ramo si rompe se premuto leggermente.
Quando il suo gambo si piega, non si spezza, non emette l'odore marijuana ma di semplice di erba, è un segno che conserva ancora parte della sua clorofilla.
oggi esistono in commercio diversi come Boveda, che ha trovato una soluzione al diffuso problema della corretta conservazione della cannabis con dei gel di silice che regolano l'umidità del raccolto una volta conservato.

La marijuana impiega molto tempo a svilupparsi completamente e senza forzature intorno ai due/tre mesi per le autofiorenti e cinque/sette mesi per le piante provenienti da seme normale o femminilizzato, a seconda del tipo di coltura e cura. Dobbiamo prendere in considerazione anche l'essiccazione e la stagionatura, che dureranno circa un mese o poco più.

Ripetiamo che, naturalmente, a seconda della cura che forniamo alla pianta, così come della varietà che scegliamo, i tempi di ciascuna fase saranno maggiori o minori e, di conseguenza, del suo completo sviluppo e quindi la produzione. Le cosiddette varietà femminilizzate impiegheranno più tempo a produrre i germogli; Un po 'meno di tempo prenderà l'autofiorente e ancor meno, le nuove versioni "fast version" fornite da aziende come Sweet Seeds.

Controllo dell’umidità per la conservazione del raccolto

Controllo dell’umidità per la conservazione del raccolto

Le bustine Boveda servono per regolare l'umidità per la conservazione del raccolto di fiori già secchi.

Boveda è azienda leader mondiale nel controllo di umidità e la linea di bustine può essere utilizzata in una vasta gamma di livelli di umidità relativa (13-95%), serve per regolare l'umidità precisa per qualsiasi elemento con cui è confezionato.

Si integrano perfettamente in barattoli sottovuoto, in vetro e qualsiasi contenitore per lo stoccaggio del raccolto.

La giusta umidità durante la fase di conservazione massimizza il colore, il sapore, l'aroma e le proprietà essenziali.

Abbiamo parlato velocemente sulle principali fasi di crescita di una pianta di marijuana, ma questo è solo un accenno basico al mondo della coltivazione.
Tratteremo i semi di cannabis autofierenti in un articolo a parte, perché anche se più delicate e con una resa inferiore meritano rispetto, in quanto in condizioni ottimali ci sono piante che hanno bisogno di solo due mesi per completare il loro sviluppo completo.