La luce è essenziale per gli esseri viventi perché aiuta le loro funzioni. Il fotoperiodo è il tempo in cui un essere vivente o una pianta di cannabis è esposto alla luce per svolgere la regolazione del funzionamento del suo organismo.

Questo tempo ricopre non solo l'esposizione alla luce del sole, ma anche i processi vitali della pianta.

Cos'è il fotoperiodo?

Chiamiamo fotoperiodo l'insieme dei processi che permettono alle piante di regolare le loro funzioni biologiche, grazie all’utilizzo della luce, che varia durante i diversi periodi dell’anno.

Parlando più chiaramente, sono i cambiamenti nell'illuminazione che le piante ricevono, e di conseguenza, regolano il loro sviluppo e i loro cicli di vita, dalla germinazione alla crescita, dalla fioritura al raccolto.

Ciò implica che questo processo avviene sia in estate, quando le giornate sono più lunghe, che in inverno, quando le giornate sono più corte.

Il fotoperiodo è un concetto emerso all'inizio del XX secolo per spiegare il comportamento delle piante in base alla loro esposizione rispetto alla luce.

Si tratta del cosiddetto fototropismo, un concetto che vedremo più avanti.

Infatti, gli organismi viventi regolano i loro processi vitali secondo le condizioni del loro ambiente. La luce e l'acqua sono due risorse naturali fondamentali per svolgere le loro funzioni vitali.

Ecco perché il periodo di illuminazione giornaliera è fondamentale per il loro metabolismo.

L'importanza del fotoperiodo per le piante di cannabis

Questo tempo di esposizione delle piante di cannabis alla luce solare, è importante perché determina la crescita delle foglie e la loro direzione. Inoltre, influenza altri importanti processi come la germinizzazione e la fase di fioritura.

Quindi, a seconda del numero di ore di sole che una pianta riceve, crescerà di più o di meno.

Va notato che il fotoperiodo non colpisce solo le piante, ma influenza anche gli animali, poiché molte specie dipendono da fattori ambientali per il loro comportamento sessuale, influenzandone così la loro riproduzione.

Il ciclo delle piante, siano esse perenni o annuali come la cannabis, è regolato dalle differenze di luce tra il giorno e la notte.

In inverno, con i giorni più brevi dell'anno, le notti più lunghe e le temperature annuali più basse, i semi e le piante rimangono dormienti.

Con l'arrivo della primavera, quando le ore di luce aumentano in modo notevole con le ore notturne, si attiva lo sviluppo delle piante, i semi germogliano e le piante iniziano a germogliare e a fiorire.

I loro fiori maturano per tutta l'estate e all'inizio dell'autunno fino alle ore notturne, provocano nuovamente la morte delle piante o la caduta delle foglie se sono decidue, ed entrano nuovamente in uno stato di letargo fino all'arrivo della primavera successiva.

Così come ci sono piante che hanno bisogno di molta luce, altre ne hanno bisogno di meno, e altre che sono neutre, cioè i loro periodi biologici non sono sensibili alle ore di luce e oscurità.

Anche alcuni animali seguono lo stesso meccanismo, iniziano la loro attività sessuale quando questi fattori sono più favorevoli. Con l'aumento della temperatura, aumenta anche la quantità di cibo, il che garantisce una migliore sopravvivenza.

Quello di cui parleremo nel nostro post di oggi è il fotoperiodo nella coltivazione della cannabis sia per la coltivazione outdoor e sia per la coltivazione indoor.

Fotoperiodo e la cannabis coltivata all'aperto

Come abbiamo appena detto e come già sai, le piante di marijuana crescono quando i giorni hanno tante ore di luce e fioriscono quando le ore di oscurità aumentano.

Come abbiamo appena detto e come già sai, le piante di marijuana crescono quando i giorni hanno tante ore di luce e fioriscono quando le ore di oscurità aumentano.

Il solstizio d'estate è il periodo dell'anno in cui il sole attraversa uno dei punti più lontani dall'equatore e in cui si ha la massima differenza di durata tra il giorno e la notte.

Da quel giorno, i giorni iniziano a diminuire e le notti a crescere, e le piante lentamente notano questa graduale diminuzione delle ore diurne.

Le piante producono un ormone chiamato florigen, e cominciano a fiorire per tutto il mese di luglio in modo che quando la caduta arriva e il cattivo tempo viene con esso, la raccolta è al sicuro.

Pensiamo che tutte le varietà di cannabis sativa che coltiviamo provengano da ceppi originari di paesi diversi come la Colombia o la Thailandia, che grazie al buon clima di cui godono in questi paesi possono completare i loro lunghi 4 mesi di fioritura.

Invece, l'Afghanistan o l'India settentrionale, hanno genetiche come l’indica che devono completare rapidamente la loro fioritura prima dell'arrivo del rigido inverno.

In ogni area, le varietà di marijuana si sono adattate nel corso dei secoli o dei decenni alle proprie condizioni.

Per quanto molti grandi allevatori abbiano fatto a renderli più adattabili, sono ancora inadatti a molti climi.

Una sativa a fioritura lunga è impensabile da coltivare all'aperto in zone dove il sole è appena visibile in autunno e le piogge sono la norma giorno dopo giorno.

In fioritura, il peggior nemico delle piante di cannabis è l'inquinamento luminoso.

L'inquinamento luminoso è inteso come l'interruzione del periodo di oscurità. Ciò può far sì che le piante non fioriscano o, se sono in fiore, possono causare il fenomeno noto come rivegetazione.

In altre parole, le ore diurne ingannano la pianta, smette di fiorire e inizia a crescere come se fosse in fase vegetativa.

La causa di questo inquinamento luminoso è principalmente l'illuminazione notturna e ogni coltivatore outdoor deve prevenirla affinché si avvicini la stagione della fioritura.

La regola empirica è stare vicino alle piante di notte e provare a leggere un giornale. Se riesci a leggerlo facilmente, forse il problema è nel tuo raccolto.

Fotoperiodo per la coltivazione di cannabis indoor

All'interno possiamo modificare a piacimento il periodo di illuminazione giornaliera e con esso regolare i cicli di luce. Passare dalla crescita alla fioritura è semplice come mettere 12 ore continue di luce e altre 12 di oscurità.

All'interno possiamo modificare a piacimento il periodo di illuminazione giornaliera e con esso regolare i cicli di luce. Passare dalla crescita alla fioritura è semplice come mettere 12 ore continue di luce e altre 12 di oscurità.

Normalmente si prende come riferimento il periodo di illuminazione giornaliera di 18/6 (chiaro/scuro) per la crescita e 12/12 per la fioritura, anche se è vero che all'aperto non raggiungono mai le 18 ore di luce.

Si tratta di offrire il più possibile per una maggiore crescita, altri fotoperiodi come 20/4, 16/8 o anche 24 ore al giorno di luce senza periodo buio possono essere validi.

Ultimamente è diventato di moda il fotoperiodo di Reinhard Delp . Consiste in dodici ore di luce, cinque ore e mezza di oscurità, un'ora di luce e altre cinque ore e mezza di oscurità (12 - 5,5 - 1 - 5,5).

In fioritura, con quelle 12 ore di luce e 12 ore di buio, siamo più vicini alle ore di cui la cannabis outdoor ha bisogno per fiorire, quando inizia a notare che le giornate si stanno accorciando e si affretta a completare il suo ciclo.

Alcune varietà sative fioriscono meglio con 14 ore di buio e 10 ore di luce, riducendo nel frattempo l'altezza che solitamente raggiungono nella fase di pre-fioritura e nelle prime settimane di fioritura.

Ci sono persino coltivatori che mettono questo tipo di genetica nell'oscurità totale per 48 ore per forzare la fioritura. Oppure vengono coltivate con un fotoperiodo di fioritura per evitare una grande crescita.

L'inquinamento luminoso interno è molto comune. Le perdite dall'esterno attraverso le prese d'aria o le cerniere dell'armadio possono essere causa di stress sulle piante.

Come all'esterno, è meglio evitarlo, entrando nell'armadio durante il giorno e con esso spento, controllando che nessun raggio di luce entri.

Questo stress è una delle cause delle piante femmina che producono le temute banane che possono rovinare il nostro raccolto e riempirlo di semi.

Le piante di cannabis fotoperiodiche

Le piante di cannabis fotoperiodiche sono molto apprezzate sia dai coltivatori che praticano la coltivazione indoor e sia da quelli che praticano la coltivazione outdoor.

Fino a quando i semi di cannabis autofiorenti non hanno raggiunto il mainstream, per i coltivatori le piante fotoperiodiche erano le uniche disponibili e ancora oggi, tanti coltivatori preferiscono utilizzare le piante fotoperiodiche, considerandole come la vera genetica "originale" e naturale.

Le piante fotoperiodiche hanno 2 fasi diverse della loro vita, la crescita e la fioritura.

Questo consente al coltivatore un maggior controllo sulla crescita e sullo sviluppo della pianta fotoperiodica.

Diversamente dalle varietà autofiorenti, le piante fotoperiodiche possono essere utilizzate come piante madri, se necessario per molti anni.

Nemerose talee possono essere prelevate da una pianta fotoperiodica. È anche possibile la ri-vegetazione delle piante fotoperiodiche raccolte.

Mente i semi autofiorenti e i semi femminizzati a fotoperiodo hanno ciascuno i propri vantaggi e svantaggi.

Il miglior fotoperiodo per la cannabis

Tradizionalmente i coltivatori usano un fotoperiodo vegetativo di 18-24 ore di luce giornaliera. Per la fioritura, di solito viene utilizzato un programma di luce 12/12 (12 ore di luce seguite da 12 ore di buio). Ci sono anche programmi di luce alternativi meno comunemente usati.

Il tempo medio di vegetazione per la cannabis a fotoperiodo

Di solito i tempi vanno dalle 4 o alle 6 settimane. Ma alcuni coltivatori che utilizzano le tecniche Sea Of Green ("SOG") ne usano di meno. Alcuni coltivatori che usano il metodo SCROG (Screen Of Green) possono utilizzare periodi vegetativi più lunghi.

Il tempo medio di fioritura per la cannabis a fotoperiodo

Circa impiega un 9 settimane. Alcune indica a fioritura rapida possono essere pronte una o due settimane prima. Alcune varietà sativa possono richiedere una o due settimane in più (le varietà come la Haze possono richiedere circa 14 settimane)

La resa media per piante di cannabis a fotoperiodo

All'aperto, rese secche di oltre un chilogrammo per pianta sono abbastanza possibili in buone condizioni con buoni semi di marijuana. Al chiuso, con uno spazio radicale limitato, le rese tendono ad essere molto più basse.

In base alla diverse tecniche di crescita, la resa può variare da meno di 100 g a diverse centinaia di grammi per pianta.

Fotoperiodo vs varietà di cannabis autofiorenti

I semi autofiorenti si sono guadagnati una ottima reputazione per quanto riguarda la loro praticità, semplicità e velocità.

È difficile contestare alcuni dei grandi vantaggi offerti dai semi di cannabis autofiorenti. Questi sono considerati una grande risorsa per diversi coltivatori di cannabis. Ma non sempre potrebbe essere la soluzione ideale per ogni coltivatore.

La maggior parte dei coltivatori domestici amano mantenere una stanza madre di talee d'élite prese dalle loro piante fotoperiodiche preferite durante la loro carriera in crescita.

Le piante fotoperiodiche possono essere facilmente fatte ritornare verdi, basta lasciare un po' di fogliame verde su di esse dopo il raccolto e riportare la pianta sotto 18-24 ore di luce giornaliera. Questo garantirà la crescita vegetativa.

I coltivatori che utilizzano il metodo SCROG spesso preferiscono utilizzare per coltivare i semi femminizzati a fotoperiodo per avere il controllo e per riempire lo schermo SCROG.

Scegliere quando iniziare a fiorire e vedere l'allungamento della pianta è facile con le varietà di cannabis fotoperiodiche.

L'importante è capovolgere le luci in condizioni di fioritura. Al contrario, le piante autofiorenti hanno un ciclo di vita poco flessibile che non può essere manipolato. Per alcuni coltivatori e per alcune tecniche di coltivazione, i semi di cannabis autofiorenti sono semplicemente meno preferiti dei semi femminizzati a fotoperiodo.

Mentre la pianta di cannabis autofiorente inizia a fiorire in base all’età, questo porta a ridurre la crescita.

Inoltre, altre differenze principali tra le due tipologie di cannabis:

Cannabis Fotoperiodiche :

  • le piante possono rimanere in fase vegetativa “indefinitamente”;
  • le piante tollerano meglio lo stress dovuto alle tecniche di training perché hanno più tempo per riprendersi;
  • può essere usata come pianta madre e può essere rivegetata;
  • si può usare per ibridare nuove varietà;
  • in base alla media hanno una resa maggiore delle Autofiorenti.

Cannabis Autofiorente :

  • la crescita vegetativa è limitata, in genere dura tre o quattro settimane;
  • le piante sono generalmente molto più piccole;
  • le tecniche aggressive di potature o la cimatura non sono raccomandate;
  • in base alla media, le rese sono minori della pianta fotoperiodica.