In questo articolo proveremo a spiegare come distinguere il sesso delle nostre piante di marijuana, quindi come sapere se si tratta di marijuana di sesso maschile o di marijuana di sesso femminile.

Molti di voi sapranno già come farlo, vale la pena di rivedere questa domanda, specialmente se siamo coltivatori regolari.

In condizioni normali, la cannabis sviluppa circa i due terzi delle piante femmine ed un terzo come piante maschi.
Questa proporzione può variare in base alla varietà e alle condizioni ambientali (clima, temperatura, densità della piantagione ...). A grandi linee possiamo dire che quanto più favorevoli sono le condizioni di coltivazione, tanto più si ottengono piante di marijuana femminile.

Piante Ermafrodite, monoiche e dioiche

Differenza Maschio / Femmina
Differenza Maschio / Femmina

Da un punto di vista botanico la Cannabis sativa è una pianta dioica. E' un termine che si riferisce alla riproduzione sessuale delle piante. Indica che gli organi riproduttivi maschili (stami) e femminili (pistillo) sono portati su due piante distinte, cioè esistono quindi esemplari con fiori maschili e fiori femminili della stessa specie, ciò significa che il maschio e la femmina sono separati su diverse piante.

Questa affermazione è vera in molte occasioni, tuttavia, sappiamo tutti che ci sono anche piante ermafrodite.
Talvolta, i fiori maschili e femminili possono essere diversi, ma presenti sulla stessa pianta, tali piante sono dette monoiche (in greco «una casa»).
Le specie in cui i fiori maschili e femminili si trovano su piante diverse, sono dette dioiche («due case»).

All'interno delle piante con caratteristiche ermafroditiche, possiamo distinguere due gruppi: totalmente ermafroditi o monoici, che durante la fioritura dei fiori maschili e femminili, nessun sesso prevale. Ci sono altre tipologie parzialmente ermafroditi, in cui i fiori maschili di marijuana appaiono in minor numero, dando un'apparenza generale di femmina alla pianta.

Perchè i coltivatori vogliono le piante femmine?

I consumatori e coltivatori di marijuana, sono interessati solo ad avere piante di marijuana femminile, poiché la parte che viene consumata sono le infiorescenze secche sviluppate solo dalle piante femmine.

Infiorescenze CBD
Infiorescenze CBD


Le piante di marijuana femminili danno origine a una serie di fiori.

Le piante di marijuana maschio sono interessanti solo quando si selezionano e si allevano nuove varietà di cannabis, quindi si ha bisogno di un maschio per creare

nuove genetiche, o per produrre tessuti o altri oggetti dalla fibra di canapa. Le fibre della canapa maschio sono più flessibili e più resistenti, mentre le fibre della pianta femmina tendono ad essere più rigide.

Quando e come capire il sesso della pianta di di marijuana

Durante la crescita vegetativa, è molto difficile distinguere il sesso della pianta. Alcuni coltivatori esperti sanno distinguere i maschi da alcune varietà per il loro modello di crescita, tuttavia per la maggior parte di noi è necessario attendere la fase di fioritura per scartare questi maschi.
Sia i maschi che le femmine hanno bisogno di un apporto esterno di fertilizzante per dare il massimo frutto.

Quando la pianta inizia la fase di fioritura, prima che i fiori si formino completamente, possiamo osservare i primordi floreali sotto le ascelle dei rami.
Queste ascelle sono il luogo in cui ogni ramo è inserito con il tronco principale e dove la pianta di marijuana inizia a fiorire.
Se non vogliamo aspettare che la fase di fioritura avvenga in modo naturale, possiamo indurre la fioritura forzata.

Questa tecnica consiste nel lasciare le piante al buio per due o tre giorni, o anche di più, oppure portarle ad un ciclo sole/buio di 10/14 ore fino a che non inizino a manifestare il loro sesso. Una volta che sono stati lasciati al buio, osserveremo il luogo di formazione dei prefiori.
Per sapere se la pianta è maschio o femmina, cercheremo questo tipo di struttura:

  • Pianta marijuana maschile: In questo caso osserviamo la formazione di un piccolo sacco, dal quale non emerge alcun pistillo.
    Il fiore è formato da cinque sepali, anche se a prima vista è molto difficile distinguere la struttura.
  • Piante di marijuana femminile: Una piccola borsa o sacchetto è formato, da cui provengono due pistilli bianchi (peli).
Maschio / Femmina Cannabis
Maschio / Femmina Cannabis

Questi due tipi di struttura servono solo a scartare quegli esemplari che non volgiamo coltivare, (di solito i maschi).
Se non siamo sicuri aspetteremo che la fioritura sia un po 'più avanzata, fino a quando non vedremo i fiori maschi meglio.
Non dobbiamo lasciare i fiori maschili aperti o produrre altrimenti polline e concimare i germogli delle femmine, favorendo la formazione di semi.

Per coloro che non vogliono seguire il sesso e fermarsi ad osservare i maschi e le femmine c'è sempre la possibilità di acquistare semi di marijuana femminilizzati. Questo tipo di semi, a causa del suo programma di allevamento, danno origine a piante femminili.
Ad ogni modo, se hai qualche dubbio sul sesso delle tue piante, puoi lasciare un commento.
Vogliamo ricordare che in Italia solo alcune varietà di Cannabis sono consentite.