La varietà AK 47 di cannabis è famosissima ed apprezzata in tutto il mondo per le sue proprietà, risultato di un equilibrio perfetto tra la componente indica e quella sativa. In questo articolo, partiamo alla sua scoperta!

L’AK 47 è una varietà di marijuana che ha dalla sua un record difficilmente eguagliabile: ha ricevuto premi e riconoscimenti sia come varietà indica che come varietà sativa. Un ibrido davvero eccezionale, insomma, che contiene a guadagnare fan ovunque nel mondo. Ma le sue proprietà non si fermano di certo a questo, che rappresenta indubbiamente, già di per sé, un aspetto decisamente unico.

Tra le sue caratteristiche peculiari, sono degni di nota gli importanti effetti psicoattivi, la raffinatezza del profilo aromatico, e l’abbondanza delle rese che assicura.

Facile da coltivare, l’AK 47 è robusta e resistente; un vero sogno, soprattutto per i coltivatori indoor, ma anche per coloro che scelgono la coltivazione all’aperto.

Riguardo alle sue origini, tutti sono d’accordo nel farle risalire agli anni ‘70, quando furono realizzati i primi incroci tra Thai e afghani. La vera e propria varietà Ak 47 di cannabis, però, sarebbe nata solo molto più tardi, negli anni ‘90. Nel 1999, poi, questa varietà tanto amata ha subito l’ultimo, decisivo, incrocio, che l’ha portata ad essere l’ibrido perfetto di oggi.

Per ottenerla, furono realizzati incroci tra ceppi di sativa messicani, colombiani e thai, insieme a ceppi afghani di indica.

Il risultato è una varietà a dominanza sativa (65%), il cui equilibrio con la componente indica (35%), come abbiamo detto, è però praticamente perfetto.

Le caratteristiche dell’AK-47

L’AK 47 si distingue per un forte e piacevole aroma fruttato e per la capacità di provocare in chi l’assume uno sballo potente e duraturo di matrice decisamente indica. Proprio a questo è dovuto il suo nome, che, lungi dall’essere deleterio come un colpo sparato da un fucile kalashnikov, è però in grado di “stendere” i fumatori alle prime armi.

D’altro canto, il suo produttore le ha attribuito anche il soprannome di “meraviglia in un colpo solo” per via delle sensazioni potenti ed immediate che afferrano chi la consuma e che risultano però, al tempo stesso, molto equilibrate.

La varietà AK 47 di cannabis ha ricevuto ben 16 premi internazionali (ad esempio, la famosa Cannabis Cup), dalla sua nascita ad oggi, e costituisce un ibrido davvero perfettamente riuscito.

Le piante di AK 47 crescono fino ad un’altezza media e non sono particolarmente ricche di foglie. Le cime, di contro, sono grandi e larghe e ricordano delle piccole banane e sono inoltre molto resinose. Il periodo di fioritura ha una durata relativamente breve: tra i 53 e i 63 giorni.

L’odore che emana da dalle cime, durante il periodo di fioritura, è davvero molto intenso e avvolgente ed è una ulteriore caratteristica peculiare di questa varietà. In generale, la coltivazione risulta semplice, che sia indoor o outdoor. Se coltivata outdoor, questa varietà di marijuana è pronta per la raccolta attorno alla metà di ottobre. L’erba che se ne ricava, inoltre, ha un contenuto di THC di tutto rispetto e che può arrivare al 21,5%, mentre il CBD si attesta su valori molto bassi, inferiori all’1%.

Che ceppo è la marijuana AK-47? Sapori ed effetti

L’AK 47, come abbiamo già visto poco più su, si caratterizza per gli aromi fruttati e speziati. Il sapore è altrettanto avvolgente, con note agrumate, sentori di pino e retrogusto speziato.

Gli effetti che produce in chi l’assume sono rilassanti e cerebrali, ma al tempo stesso stimolanti ed adatti a favorire la socialità. Un ottimo mix di effetti sativa ed indica, insomma.

La varietà di cannabis AK 47 favorisce la motivazione e rende euforici, è ispirante e favorisce l’ascolto della musica e la meditazione. Consumata in dosi non eccessive, favorisce la rilassatezza senza “incollare al divano” e rende piacevolmente propensi alla socialità. Consumata in dosi elevate, gli effetti rilassanti prevalgono su quelli stimolanti e può provocare formicolii su tutto il corpo che, però, risultano per lo più non spiacevoli.

Queste sue caratteristiche rendono la varietà AK 47 di cannabis indicata sia per fini ricreativi che terapeutici, dal momento che gli effetti rilassanti e distensivi possono essere particolarmente benefici per svariate patologie. Naturalmente, ai neofiti si consiglia di cominciare con dosi molto piccole.

L'ak 47 è buono per l'ansia?

L’AK 47, malgrado il suo nome “aggressivo”, è una varietà di cannabis che si presta particolarmente bene per il trattamento di pazienti affetti da stress o ansia cronica, oltre che da numerose altre patologie provocanti dolore cronico. La forte rilassatezza che induce in chi la fuma abitualmente rende la marijuana AK 47 davvero estremamente utile nel trattamento di tali patologie.

Come coltivare AK-47

Come dicevamo già all’inizio di questo articolo, l’AK 47 è una varietà di marijuana relativamente facile da coltivare.

Il suo sviluppo è moderato, ciò la rende adatta ad essere coltivata in qualunque tipo di ambiente. Le cime, grandi, larghe e molto resinose, oltre a fornire ottimi raccolti, possono soccombere davanti ad una eccessiva umidità e sviluppare muffe. Ma quella del controllo dell’umidità è l’unica accortezza di cui questa varietà di cannabis necessita nella maniera più assoluta; per il resto, come dicevamo, non presenta particolari difficoltà.

In zone temperate, in cui la temperatura media si mantiene intorno ai 25 C° per tutta l’estate, può essere tranquillamente coltivata all’aperto. In questo caso, però, occorre fare molta attenzione alla scelta della posizione del terreno che si utilizzerà: l’odore che sprigiona è infatti tra i più forti e persistenti che esistano e una coltivazione di AK 47 non mancherà di attirare l’attenzione dei curiosi! Il periodo di fioritura è relativamente breve, tra le 8 e le 9 settimane, e i raccolti sono in genere abbondanti, anche outdoor (350 - 500 grammi/metro quadrato).

Chi decide di coltivarla indoor, invece, dovrà avere le accortezze solite di questo tipo di coltivazione, senza cure supplementari, se non l’accortezza di ventilare in maniera adeguata per evitare che il suo forte odore permanga in maniera particolarmente persistente attorno all’ambiente di coltivazione e attiri i curiosi. Anche per l’idroponica, l’AK 47 risulta particolarmente adattiva e priva di grosse problematicità.

AK 47 cannabis temperature ideale per la coltivazione

L’AK 47 fiorisce in presenza di una temperatura compresa tra i 15 e i 25 C°. Ciò vuol dire che la sua coltivazione outdoor, nelle zone temperate, anche se collocate in posizione piuttosto settentrionale, è possibile senza troppi problemi.

Indoor, poi, la coltivazione si rivela praticamente priva di problemi, visto che è possibile controllare agevolmente la temperatura e i livelli di umidità.

Una varietà che davvero rasenta la perfezione, insomma, sia dal punto di vista degli effetti, che da quello organolettico o della facilità di coltivazione!

Per questa ragione, sia il coltivatore di cannabis che il consumatore informato, la adorano!