Quando si decide di avere le proprie piante di cannabis è importante valutare diversi fattori che possono influenzare il loro sviluppo ottimale, la crescita e la qualità.

Un buon coltivatore deve cercare di creare le condizioni e l'ambiente giusto, tenendo conto dell'illuminazione, della temperatura, dell'umidità, senza tralasciare un elemento fondamentale, ovvero il pH.

In questo articolo vedremo come gestire queste problematiche durante la coltivazione di marijuana.

Cos’è il ph del suolo?

Il pH presente nel terreno indica la misurazione numerica dell'acidità. vale a dire la concentrazione di ioni di idrogeno (H+) nella fase liquida del suolo, in altri termini dall'acqua e dai sali minerali in essa disciolti.

Il rapporto tra ioni idrogeno e ioni ossidrile indica l’acidità di un terreno, mentre i composti chimici presenti nel terreno contribuiscono alla variazione di questo valore.

E’ importante sapere che gli effetti che può avere il pH influiscono sull’attività dell’apparato radicale delle piante e sulla loro capacità di assimilare sostanze nutritive.

Teoricamente la misura di pH è tra 0 e 14. Intorno al 7 abbiamo terreni neutri, mentre con valori bassi l’acidità è maggiore e con valori alti si hanno suoli basici o alcalini.

Perché è importante misurare il pH quando si coltiva la cannabis?

Il potenziale di idrogeno, meglio conosciuto come pH, è un'unità di misura che va da 0 a 14 e aiuta a capire l'alcalinità o l'acidità in base agli ioni idrogeno concentrati in una sostanza.

Il potenziale di idrogeno, meglio conosciuto come pH, è un'unità di misura che va da 0 a 14 e aiuta a capire l'alcalinità o l'acidità in base agli ioni idrogeno concentrati in una sostanza.

Ogni essere vivente ha bisogno di un ambiente con un pH specifico per sopravvivere. Anche le piante non fanno eccezione, in questo caso il pH ottimale faciliterà la coltivazione di cannabis.

Infatti nella pianta, il livello ottimale di ph permette di ricevere tutti i minerali e i macronutrienti necessari per avere la loro fase vegetativa e di fioritura ideale, ottenendo piante sane e forti molto più produttive.

Quando misurare il pH nella coltivazione della marijuana?

Prima di iniziare la coltivazione, è necessario definire il pH del terreno in cui sarà coltivata la pianta.

La pianta di marijuana lascia un gap di pH molto piccolo in cui può assorbire i nutrienti dal terreno. Il pH dovrebbe essere neutro e variare tra 5,5 e 7. Questo può variare in base alla fase di crescita della pianta.

La misurazione del ph va sempre effettuata dopo aver utilizzato fertilizzanti o ammendanti, poiché il loro utilizzo porta a modificare i valori del pH dell’acqua.

Per capire il livello di pH si utilizzano un pH-metro o un kit a gocce per testare il livello.

Il miglior PH per la coltivazione di cannabis

Non possiamo dimenticare che lo sviluppo e la crescita è una delle fasi principali del ciclo di vita della pianta di cannabis.

Non possiamo dimenticare che lo sviluppo e la crescita è una delle fasi principali del ciclo di vita della pianta di cannabis. Questa fase avviene quando la pianta richiede maggiore cura e vigilanza nell'assorbimento dei macronutrienti di base come azoto, potassio, calcio, magnesio e altri minerali.

Per raggiungere il massimo assorbimento dei nutrienti, il livello di pH del terreno deve essere di circa 6,5 e si consiglia di fare un controllo in ogni irrigazione, perché l'acqua usata insieme ai fertilizzanti produrrà variazioni nel substrato.

Durante le prime settimane la pianta avrà un maggiore fabbisogno di azoto, potassio, fosforo, calcio e magnesio. Questi sono elementi indispensabili per ottenere la crescita prevista, per questo l'ideale è che il pH del terreno vada da 5,8 a 6, convertendo il substrato in un mezzo leggermente acido, portando a un assorbimento più rapido.

PH e i valori ottimali: perché è importante?

Qualsiasi pianta ha bisogno dei nutrienti, per crescere sana e forte: i macronutrienti azoto, fosforo e potassio, nonché i micronutrienti e i minerali tra cui calcio, magnesio, ferro, rame e molto altro.

Una pianta che non ha le condizioni ottimali e i nutrienti indicati, riscontrano dei gravi problemi di salute.

In particolare la pianta di cannabis, per avere le condizioni ottimali, il livello di pH deve essere compreso tra circa 6 e 7 quando si tratta di colture in terra.

Se il pH del suolo ha un livello superiore o inferiore, la pianta di marijuana non riesce ad assorbire i nutrienti necessari, subendo delle carenze nutrizionali, nonostante siano presenti.

Tuttavia, nei diversi modi di coltivazione della cannabis è sempre importante capire il livello ottimale di pH nelle piante.

La cannabis coltivata con il sistema idroponico o senza il suolo necessita di un livello di pH più basso rispetto alla coltivazione in terra.

Quando i valori di pH non rientrano in questa gamma, si consiglia di correggere il pH dell'acqua di irrigazione.

Qual è il pH ideale per la fioritura?

Indubbiamente, questa è una delle fasi in cui il coltivatore fa più aspettative, poiché il risultato atteso è quello di ottenere grandi gemme di buona qualità. Per questo è necessario prestare particolare attenzione, in quanto le esigenze nutrizionali saranno diverse durante questo periodo.

Nella fase vegetativa tutti i nutrienti sono finalizzati ad aumentare la crescita della pianta.

Nella fase di fioritura tutta l'energia ricevuta è concentrata a produrre fruttuosamente fiori di marijuana, richiedendo una maggiore quantità di potassio e fosforo.

Per questo sarà essenziale raggiungere un pH un po' più neutro da 6 a 6,2 in modo tale che l'assorbimento sia adeguato.

Come si abbassa il pH dell'acqua?

Generalmente l'acqua del rubinetto ha un pH leggermente alto, quindi di solito è necessario abbassarlo e renderlo perfetto per la nostra coltivazione di marijuana. Prima di realizzare questo processo, assicuratevi di controllare con un misuratore di pH elettronico o un kit di gocce di misurazione il pH dell'acqua, quando si innaffia il substrato sarà caricato con lo stesso livello di pH.

Attualmente si possono trovare regolatori di diversi marchi che possono essere utili per capire il livello di pH in cui si trova la pianta. Ci sono 4 prodotti principali che aiutano a far diminuire il livello presente nell'acqua in modo molto efficace e sono:

Acido nitrico: questa sostanza acida si usa generalmente durante la fase di crescita perché fornisce azoto nitrico in piccole quantità, quindi se hai un problema di regolazione del pH con questo prodotto puoi risolvere.

Acido citrico: questo è uno degli acidi più conosciuti che ci siano, farne uso è molto sicuro, dato che è organico, ma non è così potente come gli altri, quindi richiederà una quantità maggiore.

Acido solforico: ha un uso abbastanza noto e ha dimostrato di essere molto efficace, con lo svantaggio di essere molto abrasivo e può causare gravi ustioni se non è stato usato con attenzione. Non è molto consigliato nelle coltivazioni di marijuana.

Acido fosforico: nel mondo della cannabis è uno degli acidi più utilizzati, questo perché la sua acidità non è eccessiva e permette al coltivatore un maggiore controllo sulle quantità necessarie per ottenere il pH perfetto.

PH Down: ci sono prodotti regolatori di pH che vengono miscelati, di solito una miscela di acido fosforico con acido nitrico. Raccomandiamo il PH Down di Bac.

Come aumentare il pH dell'acqua?

Se invece il pH dell'acqua è troppo basso, sarà necessario aumentare l'alcalinità, questo si ottiene usando sostanze come il bicarbonato di sodio e il carbonato di sodio. Potete usare il PH Up di Bac.

L'ideale è preparare una miscela contenente entrambi, soprattutto bicarbonato di sodio, fare idealmente una diluizione con questi e con un contagocce aggiungere poco a poco fino a raggiungere un pH più alto. Lasciate riposare per 30 minuti e misurate di nuovo per confermare che abbia il livello di alcalinità ottimale.

Il carbonato di potassio ha un'ottima solubilità in acqua, quindi può essere applicato e distribuito nella zona delle radici e raggiungere la profondità del terreno. Il risultato dovrebbe essere un equilibrio del pH e quindi un migliore assorbimento da parte della pianta.


Consigli su come regolare il ph durante la coltivazione della cannabis

Quando il pH del fertilizzante, del terreno o dell’acqua non rientra nel livello ottimale, si consiglia di regolare rapidamente. Si può intervenire usando prodotti “pH up” e “pH down” acquistabili in grow shop o metodi naturali.

Quando il pH è troppo basso, bisogna aggiungere un prodotto “pH up”, e viceversa.

Come si abbassa il pH in modo naturale?

La natura ci offre elementi che hanno un alto contenuto di acido, i più usati per le coltivazioni di marijuana sono il limone e l'aceto, ideali per tirarti fuori dai guai.

Il limone è un frutto ricco di acido citrico il cui pH è 2.

Il modo migliore è aggiungere circa 0,6 ml di succo di limone in 4 litri d'acqua, mescolare e confermare con un misuratore di pH se si è ottenuto il livello ottimale. Ricordate che la percentuale di acidità di ogni limone varia.

L'aceto contiene acido acetico e il suo pH è 3. Si procede nel diluire circa da 12 a 15 ml in 4 litri di acqua, abbassando il pH da 5,8 a 6, confermato con l'aiuto di un misuratore di pH.

Il pH ottimale per la coltivazione in cocco

Questo è un tipo di coltivazione che corrisponde alla cosiddetta coltivazione idroponica, queste sono molto diverse in relazione al pH perché non sono fatte in terra, ma in questo caso in fibra di cocco.

Questo è un tipo di coltivazione che corrisponde alla cosiddetta coltivazione idroponica, queste sono molto diverse in relazione al pH perché non sono fatte in terra, ma in questo caso in fibra di cocco.

Questo tipo di substrato è spesso utilizzato per avere un pH neutro, l'ideale è riuscire a far raggiungere al pH a un punto ottimale tra 5,5 e 6,1 e quindi nutrire correttamente la cannabis.

È della massima importanza, man mano che il ciclo di vita della vostra pianta progredisce, controllare il pH. Durante il periodo di crescita l'ideale è che il pH sia da 5,5 a 5,8 e durante la fioritura di 5,9 all'inizio e aumentare gradualmente per raggiungere 6,2 , fino a 6,4 nelle ultime settimane.

È essenziale fare le fluttuazioni corrispondenti ai valori del pH: questo contribuirà all'assorbimento del fertilizzante e delle sostanze nutritive che faranno apparire la tua pianta grande e rigogliosa.