Nel seguente articolo vi forniremo alcuni motivi per utilizzare i fertilizzanti, vi diremo da dove potete iniziare e parleremo di elementi nutritivi a seconda della fase di crescita, della fioritura e dello sviluppo delle radici.

Molti di noi hanno molti dubbi quando cominciamo a coltivare la cannabis. Molti di questi dubbi sono legati all'uso dei nutrienti ed al tipo di seme di cannabis.
Oggi vi spiegheremo da una prospettiva di base come utilizzare, in modo ottimale, i fertilizzanti e gli esaltatori per ottenere il meglio dalle vostre piante di marijuana.

substrato

Da dove comincio?

Ovviamente all'inizio,. A partire da un buon substrato e dalla fertilità del terreno. Se optiamo per la terra, dobbiamo sceglierne una ricca di sostanze nutritive, nera e umida: parliamo di un terriccio con un'abbondante fonte di azoto. La struttura della terra deve essere spugnosa, ben ossigenata e aerata. In un terreno con queste caratteristiche, le radici crescono più facilmente e rapidamente rispetto a substrati più compatti con meno ossigeno. Inizia il prima possibile a nutrirli. Bisogna stare molto attenti a non eccedere con i fertilizzanti quindi ad un "overfertilizzazione" in particolare durante le prime settimane.
È importante, all'inizio di questa fase, utilizzare lo stimolante delle radici.

Prendete nota di tutto!

Appunti

Prendete l'abitudine di appuntarvi le date, dalla germinazione al cambio nella fase vegetativa, pre-fioritura e foritura.
Vi appunterete le date di inzio e di fine dell'utilizzo dei prodotti, vi segnerete la genetica del seme, quanto prodotto state utilizzando. Questi dati vi aiuteranno a capire i tempi della pianta e vi renderanno evidenti i successi o i fallimenti dei vari "metodi" che utilizzerete in varie coltivazioni e quindi essere sempre più pronto ad intuire i bisogni della pianta.

Misuratore PH

PH e acidità dell'acqua

Se stiamo crescendo, l'acqua che viene utilizzata per eseguire il lavaggio deve essere con un PH 5.8 /6.0 e se la pianta è in fiore sarà fatto in un PH di 6.2/6.8. Cercheremo di utilizzare sempre il minimo Ec possibile in modo che l'evacuazione delle sostanze nutritive sia più veloce e anche il recupero delle piante.

Stimolatore di radice

Fertilizzanti crescita

Questo tipo di additivo serve ad accelerare la crescita delle radici. Di solito contiene una piccola quantità di ormone auxina (un potente inibitore dell'accrescimento radicale.), in una qualsiasi delle sue forme chimiche. Un altro tipo di stimolanti contiene batteri e funghi che entrano in simbiosi con le radici della cannabis e ne favoriscono lo sviluppo. In ogni caso, vengono utilizzati durante i primi giorni dopo ogni trapianto , fino a quando le radici occupano l'intero volume del substrato. Ci sono diverse marche disponibili sul mercato come Hesi, o Root Juice della BioBiz o prodotti Voodoo Juice della Advanced Nutrients.



Fertilizzanti per la fase vegetativa

Fertilizzante per la cannabis

Lo stadio di crescita è, come per ogni essere vivente, fondamentale. Da questa fase verranno stabilite, la struttura, le dimensioni e la qualità delle nostre piante nella loro vita adulta. Tieni sempre presente che le piante si nutrono principalmente di azoto e potassio, nonché di acqua e luce per svolgere le loro funzioni vitali. La mancanza di questi due minerali produce sintomi molto evidenti nelle nostre piante. Con la sua assenza, le foglie inizieranno ad acquisire toni gialli malsani. Assicurati che il terriccio scelto non contenga sostanze nutritive aggiunte per la fase di crescita. In tal caso, non sarebbe necessario utilizzare fertilizzanti liquidi per nutrire le piante perché rischieremmo di bruciarle.

I fertilizzanti della crescita hanno una grande percentuale di azoto, per favorire lo sviluppo di steli e foglie . Quasi tutti i produttori hanno diverse versioni di fertilizzanti, a seconda che vengano coltivate su terra, cocco o idro. Più avanti spiegheremo in dettaglio perché, per ora, vi lasciamo alcune raccomandazioni: BioCanna , BioGrow di Biobizz e Iguana Juice Grow un fertilizzante biologico a base di pesce.


Fertilizzante per la fioritura di marijuana

Fertilizzante cannabis

La fase di fioritura è data da una transizione dallo stadio di crescita, ma ciò deve essere anticipato già nella fase di crescita per quanto riguarda la fertilizzazione. Questo momento è fondamentale ed importante ed è spesso oggetto di errore da parte dei coltivatori più inesperti. Bisogna in outdoor cogliere i primi segnali che la pianta sta transitando in una fase di fioritura; in indoor sapremo noi quanto cambieremo il fotoperiodo e quindi la pianta inizierà la transizione, quindi accompagneremo questa fase sostituendo i prodotti utilizzati per la fase vegetativa con i prodotti necessari per la fioritura.

Questo stadio noto come fioritura può essere suddiviso in tre fasi: pre-fioritura, fioritura e rafforzamento o volgarmente "ingrasso".

Nella fase di prefioritura è necessario distinguere due sotto fasi: crescita e fioritura. Durante la sotto fase di crescita, dovremo usare fertilizzanti per la crescita e uno stimolatore di fioritura. Capiremo quando siamo passati da prefioritura a fioritura quando sarà già possibile vedere i primi fiori di cannabis. Inizieremo quindi a utilizzare il fertilizzante per la fioritura e continueremo con lo stimolatore della fioritura.

Già nella fase di fioritura continueremo a utilizzare fertilizzanti e inizieremo a utilizzare un prodotto ricco di carboidrati, cioè di zuccheri. Durante questa fase finale, gli zuccheri forniranno alle piante l'aiuto di cui hanno bisogno per il rafforzamento finale delle gemme. Durante questo periodo, i calici si espandono al massimo e aumenta la produzione di resina. Non dimenticare di consultare le istruzioni del produttore per ciascun prodotto per un utilizzo ottimale.

I fertilizzanti per la cannabis da fiore vengono utilizzati quando la pianta è sotto il fotoperiod 12/12. Hanno un contenuto più elevato di fosforo e potassio , per favorire lo sviluppo delle gemme. Ci sono anche biologici, minerali o biominerali.


Stimolanti

Stimolanti / booster

Questo tipo di prodotto può essere presentato in diversi modi, come un cocktail di vitamine, ormoni, amminoacidi, carboidrati o tutto in una volta. Ha la funzione di dare una spinta alla fioritura della pianta, migliorandone lo stato vitale e aumentando la resa del raccolto. Bisogna sempre utilizzarlo insieme a un fertilizzante per la fioritura.

Potenziatori per la marijuana

Gli esaltatori di fioritura sono prodotti ad alto contenuto di fosforo e potassio e praticamente privi di azoto. Come suggerisce il nome, la funzione di questi prodotti è di fornire alle piante un rapido rifornimento di questi elementi per poter ingrassare le gemme . Sono applicati nella fase finale della fioritura , tra la quinta e l'ottava settimana al massimo. Per stimolatore e massimizzare la resa della fioritura nelle piante possiamo utilizzare il Delta 9, utilizzabile nella prima fase anche come concimazione fogliare.


Il lavaggio delle radici

Il lavaggio delle radici

Le piante quindi per un lungo termine ricevono fertilizzanti, in quantità diverse, a seconda della fase della vita in cui si trova la pianta. La curva di alimentazione raggiunge il picco della sua nutrizione lì nella 6-7 settimana di fioritura , a seconda della genetica, da questo momento i bisogni della cannabis sono notevolmente ridotti.

Quando la pianta non "ha più fame", è necessario smettere di contribuire perché, anche se non ne ha bisogno, finirà per assorbirla e mantenerla nel suo metabolismo, e rischieremo di non vedere mail l'ingiallirsi corretto delle foglie.

Se la pianta assorbe fertilizzante in eccesso durante la coltivazione, al momento del raccolto vedremo che le loro foglie hanno un verde molto intenso , questo fatto significa anche i fiori avranno un sapore alterato e che sicuramente ci sarà ancora molto fertilizzante.
In questo caso il lavaggio delle radici sarà estremamente necessario per ridurre il carico di sostanze nutritive del tuo metabolismo il più possibile, migliorando così il sapore delle gemme .

Alcuni utilizzano prodotti per rendere maggiormente efficace questo processo, come Final Phase , che garantisce un risciacquo sicuro senza danneggiare radici, struttura e fiori o frutti delle piante.

Un lavaggio radicale viene effettuato aggiungendo una grande quantità di acqua al substrato per lisciviare il terreno, il cocco, l'arlite, la perlite o qualsiasi altro tipo di substrato utilizzato nella coltura. Devi cercare di evacuare i nutrienti che sono stati bloccati in esso.

La quantità di acqua per contribuire al substrato, si dice spesso, è tre volte la capacità del piatto . La verità è che non c'è un numero esatto di litri d'acqua che devono essere forniti, ma tutto dipenderà dal programma nutrizionale che è stato dato alla pianta per tutta la sua vita.

Di solito come si comincia questo lavaggio l'acqua uscirà sporca. Dopo diversi lavaggi l'acqua comincerà ad uscire più pulita. Quando dopo diversi lavaggi ci renderemo conto che l'acqua non contiene più sostanze nutritive possiamo fermarci.

Controlla sempre il PH dell'acqua anche in questa fase.

Esistono molti tipi di prodotti , come integratori di carboidrati, e altri.
Ma al momento, questo è più che sufficiente per essere in grado di coltivare con successo . Una volta che abbiamo raccolto, prenditi il ​​tuo tempo per curare le gemme al massimo delle loro potenzialità. Un trattamento ben fatto potrebbe ridurre ulteriormente quella sensazione sgradevole eliminando la clorofilla in eccesso. Non dimenticate di metterci sempre amore e passione... Sono i due prodotti segreti :)

Questi prodotti stimolano nelle diverse varietà di cannabis thc, cbd e derivati. Se vengono utilizzati per coltivare la cannabis legale potrebbero aumentare la produzione di sostanza psicoattiva, quindi aumentare il livello di thc rendendo cosi le piante illegali in Italia