A favore dell’ autoproduzione della cannabis, sia personale e sia collettiva, aumentano sempre più in Spagna le "Associazioni" dedicate alla marijuana, i cosiddetti Cannabis Social Club.

Ormai la Spagna è piena di queste associazioni che sono legali, private, senza alcun scopo di lucro e spesso difficili da trovare!

Come funzionano i Cannabis Social Club in Spagna?

I primi cannabis social club in Spagna hanno fatto la loro apparizione ufficiale nel 2001, per mano del Club di Degustatori di Cannabis di Barcellona.

I cannabis social club sono stati introdotti da ENCOD, “European Coalition for Just and Effective Drug Policies”.

ENCOD è una rete di organizzazioni non governative europee di cittadini che si occupano dell'impatto delle politiche internazionali sulla droga.

Ha come scopo quello di difendere il diritto dei cittadini di consumare determinate sostanze in modo sicuro e di sensibilizzare sulla coltivazione per uso personale.

Durante gli ultimi due decenni, Encod è cresciuto fino a diventare una piattaforma di 150 membri, tra cui organizzazioni, aziende e cittadini che vogliono porre fine alla guerra della droga. Ogni "socio" deve disporre di una tessera per poter accedere.

Queste associazioni nascono per difendere i diritti dei consumatori e per proporre azioni e politiche sulla Cannabis, sulla legalizzazione e sul beneficio che la società potrebbe avere.

Ogni tesserato può acquistare alcuni grammi di erba o di hashish al giorno, per uso personale.

Questa dovrebbe essere consumata all'interno del Cannabis Social Club, ambiente che garantisce sicurezza e privacy, ma spesso molti la comprano per portarsela e consumarla a casa: ricordiamo però che nei luoghi pubblici è severamente vietato consumare marijuana o derivati.

Questo progetto fa si che molta gente stia lontana dalle zone di spaccio, fa si che non acquisti al mercato nero e che abbia un prodotto che non è stato sfruttato per motivi di business dalle mafie.

Una politica orientata quindi, verso la prevenzione e la riduzione del danno dall’uso di cannabis non controllata, soprattutto per quanto riguarda i minori e i soggetti più a rischio.

Cosa trovi in un Cannabis social club?

Mappa Legalizzazione


Ci sono diversi tipi di "associazioni" e dipende anche dal clima e dal numero di iscritti al Club.

Si possono trovare molti club con degli spazi all'aperto, grazie al clima favorevole, caldo quasi tutto l’anno, con tavoli e divanetti, o anche semplici stanzoni con all’interno delle sedie con anche elementi di arredo utilizzati in quasi tutti i Club della Cannabis.

Ad esempio, molto comune è il classico bancone con la bilancia di precisione, dove vengono fornite le tessere per i soci e utilizzato per il quantitativo giornaliero di cannabis.

Inoltre, è sempre presente un bar per i soci o dei distributori automatici con bevande e snack. Immancabilmente sono presenti le console di videogiochi, come per esempio PS, Xbox, o biliardini,utili per socializzare e trascorrere del tempo con gli altri ragazzi.

A volte si può trovare anche un angolo con dei libri, spazio dedicato alla lettura, o semplicemente delle aree per fare amicizia.

Da dove proviene la marijuana dei Cannabis Social Club?

Di regola la vendita di marijuana all'interno dei Cannabis Social Club viene prodotta e venduta al Club da "soci coltivatori". Si chiama: “coltivazione collettiva di Cannabis senza scopo di lucro”.

Questi coltivatori hanno il compito di coltivare le diverse varietà di Cannabis per soddisfare i bisogni di tutti gli iscritti.

Quali prezzi ci sono nei principali Cannabis Social Club?

In base alla grandezza del club e al numero di iscritti, è possibile trovare più tipi di erba : i prezzi variano a seconda della varietà e del tipo di coltura.

Ad esempio, una pianta che ha bisogno di più cure e attenzioni, che richiede un maggior tempo di fioritura, tipo 90 / 120 giorni, costerà di più rispetto a una più facile da coltivare e che necessita di 50 / 60 giorni di fioritura.

Inoltre. il prezzo è condizionato anche dal tipo di coltivazione: per esempio una indoor costerà di più di una outdoor.

I prezzi comunque variano e partono da un minimo di 5 euro per un grammo, ma ci sono anche delle varietà che arrivano anche a costare 10 euro al grammo.

Alcune associazioni producono diverse varietà con particolari resine e Hashish come il Charas, che possono arrivare a costare anche 30 euro per grammo.

Sono aperti ai turisti?

No, sono aperti solo ai residenti. Qualcuno comunque potrebbe fare delle eccezioni rilasciando una tessera mensile o semestrale: conviene provare a chiedere.

Come trovare i Cannabis Social Club in Spagna?

Sono nati alcuni siti che presentano e illustrano i vari Cannabis Social Club, ma resta difficile trovarli. Il metodo più efficace resta il passaparola, in quanto la legge proibisce loro di farsi pubblicità o esporsi in maniera troppo vistosa.

Perchè funzionano i Cannabis Social Club

La cannabis in Spagna non è legalizzata, ma il suo utilizzo è depenalizzato. Ogni persona nella sua abitazione, o presso i Cannabis Social Club, può consumare o fumare liberamente cannabis. Queste situazioni riescono a far controllare al governo la diffusione della cannabis e di poter rintracciare la produzione.

Aprire un Social Club in Spagna

La prima cosa è ottenere la residenza spagnola, ossia il NIE.

I Cannabis Social Club sono associazioni di cittadini che organizzano la coltivazione di una quantità limitata di cannabis per soddisfare le proprie esigenze personali.

I consumatori adulti che non vogliono crescere autonomamente possono formare associazioni senza scopo di lucro con il fine di ottenere un accesso legale, sicuro e trasparente, alla cannabis per i loro membri.

Quando si pianifica l'istituzione di un Cannabis Social Club, lo scopo dovrebbe essere quello di evitare qualsiasi contatto con il mercato illegale. Il primo passo è la presentazione pubblica dell'iniziativa per organizzare un Cannabis Social Club attraverso una conferenza stampa o un'azione pubblica.

Nella presentazione, dovrebbe essere chiarito che l'unico scopo del club è quello di coltivare per il consumo personale dei membri adulti e di fornire un'alternativa legale, sicura e trasparente rispetto al mercato illegale.

Il passo successivo è la creazione ufficiale del Cannabis Social Club, come associazione di consumatori e produttori di cannabis, in cui si coltiva la quantità di cannabis necessaria per il loro consumo personale attraverso un circuito chiuso.

Nello statuto deve essere incluso lo scopo dell'associazione: evitare rischi legati al consumo di cannabis causati dal mercato illegale.

Lo statuto può essere pensato anche per la ricerca sulla pianta di cannabis e sui modi più ecologici e salutari per coltivarla, nonché alla promozione di un dibattito sociale sullo status legale della cannabis e dei suoi consumatori.

Ogni club può avere le proprie regole inserite nello statuto sull'uso dei locali del club, al pagamento dei contributi dei soci, al buon spirito del club, ecc.

Negli ultimi anni alcune associazioni stanno iniziando ad integrare nei diversi tipi di erba anche la cannabis light che si differenzia dalla cannabis medica per le percentuali dei principi attivi presenti al suo interno.