Negli ultimi tempi i cosmetici a base di CBD cavalcano prepotentemente i trend legati alla cosmesi, questo poiché oltre a rappresentare una novità, offrono alla pelle benefici comprovati, rivelandosi efficaci e performanti. Adatti sia agli uomini che alle donne, permettono di prendersi cura della pelle, portando a una rapida risoluzione innumerevoli problematiche cutanee, senza dover necessariamente ricorrere a preparati di ordine farmacologico, complice la presenza di CBD, cannabinoide tra i più noti in virtù delle proprie caratteristiche curative e terapeutiche.

In un’ottica sempre più orientata verso il “green”, la sostenibilità e un minore impatto ambientale, ecco che i cosmetici a base di canapa occupano un posto d’onore nelle beauty routine di tutti coloro che amano prendersi cura di sé in maniera consapevole, sicura e affidabile, senza alcun tipo di compromesso. Abbiamo pertanto scelto di redigere una guida dedicata ai cosmetici a base di canapa per chiarirne i vantaggi e tutte le proprietà senza alcun dubbio degne di nota che rendono tale tipologia di prodotto così innovativa e apprezzata.

Perché la canapa fa bene la tua pelle

Perché la canapa fa bene la tua pelle

La canapa sativa rappresenta l’elemento cardine che attualmente costituisce quella che può essere definita skincare naturale, complici le spiccate proprietà nutrienti e lenitive proprie di tale specie botanica. Da qui prende vita la tendenza legata all’utilizzo di creme, maschere, oli, detergenti e sieri a base di CBD, avvalorata altresì dalla ricerca scientifica in ambito dermatologico così come terapeutico. Non è certo un caso che al Congresso Mondiale di Dermatologia svoltosi a giugno 2019 a Milano, il premio “Dermolife Award” sia stato assegnato a uno studio condotto sullo stretto legame tra pelle e canapa sativa, in grado di conferire benefici anche in presenza di irritazioni, infiammazioni e arrossamenti.

Occorre tuttavia effettuare una piccola precisazione: il settore cosmetico non impiega derivati della cannabis intesa come “sostanza stupefacente” in senso stretto. La marijuana come materia prima, viene infatti privata del principio attivo proverbialmente psicotropo THC o tetraidrocannabidiolo.

Nello specifico all’interno dei cosmetici a base di cannabis è generalmente presente l’olio di canapa, ricavato dai semi di cannabis e straordinariamente ricco di acidi grassi omega 3, 6 e 9 e acido linoleico, dall’azione antiossidante e antinfiammatoria così come lo stesso CBD o cannabidiolo, ricavato dalle infiorescenze femminili e conosciuto per le proprietà marcatamente sedative e rilassanti, tanto da essere impiegato con successo anche in ambito medico.

Perché dunque la canapa risulterebbe così benefica per la pelle? Il motivo è presto detto: l’elevata concentrazione di acidi grassi essenziali in essa presenti, offrono una significativa azione emolliente e idratante, permettendo di ridurre la disidratazione, promuovendo l’elasticità cutanea.

Vitamine e sali minerali invece, svolgono un’azione antiossidante, aiutano a contrastare le infiammazioni, a ridurre gli effetti dannosi dei radicali liberi e addirittura a normalizzare le pelli grasse e colpite da un’eccessiva produzione sebacea.

Molti dei cosmetici alla canapa appaiono infatti concepiti specificatamente per trattare le pelli sensibili, irritate e arrossate, colpite da imperfezioni o da patologie dermatologiche quali eczema, dermatite e psoriasi.

Cosmetici e CBD: la nuova frontiera della bellezza

Cosmetici e CBD: la nuova frontiera della bellezza

Viene definita "New Canapa Economy" e proprio quello dedicato alla cosmesi, rappresenta un settore in continua espansione: a dimostrarlo l’esponenziale crescita dei terreni coltivati sul territorio nazionale che da 400 ettari del 2013 sono divenuti oltre 4mila nel 2018. Proprio le coltivazioni di cannabis sono sempre più spesso incentrate su produzioni innovative, che oltre agli edibles comportando la diffusione degli ormai noti cosmetici a base di canapa. Sono dati che emergono dall’Indica Sativa Trade di Bologna, la più importante manifestazione a livello internazionale dedicata a una delle piante più versatili al mondo, quella di marijuana, appunto, giunta nel 2019 alla sua settima edizione. A contribuire allo sviluppo di prodotti di bellezza a base di CBD ha contribuito senza alcun dubbio la Legge 242/2016 che ha saputo fornire tutte le disposizioni legate alla coltivazione della filiera agroindustriale della canapa, regolamentandone la messa in atto.

Tale fattore ha dato vita di conseguenza anche alla ricerca dermatologica volta al benessere della pelle, ove il principio attivo del CBD trova ampio impiego e innumerevoli riscontri e a una crescente consapevolezza e sensibilità rivolta alla cosmesi naturale che, complice la presenza di attivi puri, spesso di origine biologica, ha reso la skincare una vera e propria “coccola funzionale” e non più puramente decorativa.

Sovente costituiti da elementi provenienti da coltivazioni sostenibili e a ridotto impatto ambientale, i cosmetici al CBD rappresentano oggi la nuova frontiera della bellezza, questo poiché racchiudono in toto il concetto di “green” e naturalità che il consumatore sempre più attento, scrupoloso e consapevole, ricerca in un prodotto cosmetico destinato alla cura del proprio corpo. Ecco che per la prima volta viene sdoganato il luogo comune che vede la cannabis semplicemente come una mera sostanza stupefacente.

Prodotti cosmetici con estratti di canapa: benefici per viso, pelle, corpo

I cosmetici alla canapa vantano notevoli quantità di acidi grassi insaturi, quali l’acido gamma-linoleico, gli Omega-3 e gli Omega-6, estremamente benefici sia per la salute della pelle che per quella dei capelli. Tali prodotti sono altresì ricchi di vitamine e sostanze antiossidanti quali la Vitamina E, ampiamente conosciuta per la conclamata azione antiradicalica e anti invecchiamento.

Tra i principali vantaggi dati dall’utilizzo di prodotti di bellezza al CBD compare la capacità di tali cosmetici di idratare e nutrire in profondità la pelle e i capelli, questo proprio grazie alla presenza di acido gamma linoleico in grado di prevenire la secchezza, la disidratazione e la conseguente desquamazione dei tessuti cutanei. Utilizzare cosmetici alla canapa garantisce pertanto una pelle tonica, elastica e luminosa, così come capelli più sani, luminosi e vitali.

I cosmetici al CBD presentano al contempo marcate proprietà anti-age, ovvero in grado di ridurre in maniera significativa l’azione dannosa comportata dai radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento cutaneo e di qualsivoglia processo ossidativo. Creme viso e corpo, pomate, sieri, detergenti e shampoo a base di canapa, esibiscono inoltre un elevato potere antinfiammatorio, particolarmente utile nel trattamento di problematiche cutanee quali acne, dermatite, psoriasi, eczemi e infiammazioni. Adatti anche alle pelli più sensibili e reattive i prodotti di bellezza al CBD rappresentano la soluzione più indicata per ridurre secchezza e screpolature, limitando eventuali arrossamenti. Da non sottovalutare poi le proprietà antivirali e antibatteriche proprie dei cosmetici alla canapa sativa che possono rivelarsi preziose in presenza di manifestazioni acneiche o eccessiva produzione di sebo.

Degni di nota anche i prodotti per capelli alla canapa quali shampoo e balsamo che, utilizzati in sinergia permettono di nutrire la fibra capillare, idratandola e nutrendola in profondità, normalizzando anche il cuoio capelluto. Tuttavia si rivela un fedele alleato della bellezza anche l’olio al CBD che, utilizzato sotto forma di impacco, restituisce idratazione e nutrimento, ripristinando il naturale equilibrio di cute e capelli.

Come scegliere i migliori cosmetici a base di estratti di canapa

Tutti i cosmetici in linea generale sono formulati emulsionando una frazione acquosa alla componente oleosa e grassa: tra i primi ingredienti che costituiscono la stessa formulazione appare pertanto l’acqua seguita da uno o più oli ed estratti vegetali e funzionali, unitamente alla caratteristica profumazione del prodotto.

Cioè che distingue un prodotto cosmetico naturale da uno convenzionale è dunque la presenza di elementi chimici e di sintesi che ne pregiudicano inevitabilmente la qualità, riducendone di conseguenza gli effetti benefici. Quando si parla di cosmetici al CBD è sempre opportuno valutare la formulazione prima di procedere all’acquisto, analizzando in modo accurato il cosiddetto INCI, ovvero l’elenco di ingredienti che costituiscono il prodotto, posti in ordine secondo la quantità.

I migliori prodotti di bellezza al CBD vantano elevate concentrazioni di oli e principi attivi, gli stessi che rendono ciascuna referenza, che si tratti di creme, shampoo o detergenti, efficace e realmente attiva sull’area destinata all’applicazione.

Altrettanto importante appare dunque sincerarsi del grado di purezza degli stessi attivi presenti all’interno del cosmetico alla canapa sativa e la relativa provenienza, meglio se da agricoltura biologica o da coltivazioni sostenibili e a ridotto impatto ambientale: il CBD o cannabidiolo o l’olio di cannabis non devono mai apparire eccessivamente diluiti, questo al fine di non perdere la propria efficacia.

Fondamentale in ultimo che il prodotto sia vegan e cruelty free, adatto cioè anche ai vegani e non testato in alcun modo su specie animali: solo in questo modo è possibile avere la certezza di affidarsi a un prodotto naturale, efficace e performante in grado di migliorare la qualità della pelle, riducendone in maniera significativa eventuali problematiche dermatologiche.