Se la tua pianta di cannabis è cresciuta e il vaso è troppo piccolo per te, tranquillo! 

Qui ti spieghiamo come eseguire un trapianto corretto e vantaggioso.

Con un trapianto possiamo garantire che la nostra pianta continui a crescere, poiché dobbiamo tenere presente che una pianta crescerà più o meno a seconda delle dimensioni del vaso in cui si trova.

Se vuoi piante grandi è importante fornire loro un vaso di grandi dimensioni, in modo tale che l’apparato radicale si sviluppi senza problemi.

Al contrario, quando si vogliono piante più piccole, una buona soluzione è limitare la crescita delle radici con contenitori più piccoli.

Qualsiasi cambiamento è uno stress per la pianta, soprattutto per la pianta di cannabis. Ecco perché dobbiamo sapere bene come dovrebbe essere fatto un trapianto.

In pochi giorni apprezzerà i nutrienti freschi di un nuovo substrato, ma all'inizio, di solito, rallenta la sua crescita e può perdere forza e vigore.

È sempre consigliabile prendere alcuni accorgimenti, ad esempio, evitando le ore più soleggiate e più calde , oltre ad evitare annaffiature eccessive una volta effettuato il trapianto.

L'umidità del substrato stesso, è sufficiente affinchè le radici inizino a svilupparsi e ad espandersi.

Come ben sappiamo, radici e accumuli di acqua non vanno affatto d'accordo e sono un passaggio fondamentale quando si tratta di sapere come fare un trapianto.

Troppa acqua nelle radici della pianta di marijuana le può rovinare o farle marcire.

Quando dovrebbe essere fatto un trapianto?

Normalmente, è la pianta stessa che ti dirà quando, ma non come dovrebbe essere fatto un trapianto.

Semplicemente, osservando in dettaglio la nostra marijuafd, possiamo rilevare quando è opportuno eseguire un trapianto.

Quando le radici non hanno più spazio per svilupparsi e il vaso diventa troppo piccolo, la crescita rallenta nonostante stiamo utilizzando fertilizzanti, inoltre si perde anche la capacità del substrato di trattenere l’acqua.

Una cosa comune a molti coltivatori è eseguire diversi trapianti durante la fase di crescita. In questo modo la pianta può colonizzare l'intero substrato tra i trapianti e la crescita sarà maggiore.

Ad esempio, puoi iniziare con vasi più piccoli da 5 litri per il primo mese di crescita e altri 11-15 litri per il secondo mese.

Infine, un contenitore più grande per il resto del raccolto di circa 50 litri a seconda delle dimensioni della pianta che stai cercando.

I trapianti di cannabis servono anche a correggere la direzione, quasi inevitabile, che le piante nate da seme sperimentano nei primi giorni.

I trapianti devono essere effettuati nella crescita vegetativa, prima che inizi la fase di fioritura. Dovremmo porci come limite l'ultimo trapianto a fine giugno o inizio luglio. Questo periodo fornisce alle piante di cannabis l'ultima spinta prima che inizino a fiorire.

Se utilizziamo anche un substrato ricco di sostanze nutritive per la fioritura, principalmente fosforo e potassio, potremmo non dover utilizzare alcun tipo di fertilizzante fino a metà fioritura. Ecco una guida su come scegliere il terriccio per la cannabis.

Come dovrebbe essere fatto un trapianto?

Prima di iniziare dobbiamo avere tutto il necessario, ma anche sapere come fare un trapianto. Questo si riferisce ad avere della buona terra e in una quantità sufficiente.

Non c'è situazione più difficile che non avere la terra necessaria per quel momento.

Se la pianta che andremo a trapiantare ha un substrato impregnato d'acqua, correremo il rischio che quando proveremo ad estrarla dal vaso, la zolla si sbriciolerà e resteremo con le radici nude.

Quindi quando trapiantare? Il momento migliore è quando il substrato ha un livello di umidità medio, né molto impregnato d'acqua né molto disidratato.

In questo modo potremo estrarre l'intera zolla radicale in un blocco compatto.

Prima di trapiantare la nostra pianta di cannabis, dobbiamo aggiungere uno strato di materiale drenante di circa quattro o cinque centimetri nel nuovo vaso, e poi aggiungere un altro strato di terra.

Verificheremo, introducendo il vecchio vaso in quello nuovo, l'altezza che la pianta dovrà avere.

Battiamo leggermente i bordi e il fondo del vecchio vaso con la mano per allentare le radici.

Se inclinando un po' il vaso non riusciamo ad estrarre la pianta, bisogna colpire ancora un po' fino a che non riusciremo ad estrarre intatta tutta la zolla radicale.

Quindi, mettiamo la pianta nel vaso finale e riempiamo tutti i bordi con il substrato, premendo abbastanza per evitare vuoti d'aria, facendo attenzione a non pressare eccessivamente, poiché non vogliamo che tutto sia “pressato”. Tutto ciò è fondamentale per il successo del trapianto.

Successivamente, durante l'irrigazione, è possibile che il nuovo substrato scenda e dobbiamo riempirlo un po'.

Per finire il processo, innaffieremo con un'acqua con il pH corretto.

Può anche essere utile utilizzare uno stimolatore di radici, per facilitare la colonizzazione nel nuovo substrato e ridurre lo stress che le piante possono soffrire.

Nelle prime ore dopo il trapianto possiamo lasciare le piante in un luogo ombreggiato, per poi riporle al sole nel loro luogo abituale in caso di coltivazione all'aperto, o sotto una luce soffusa se è al chiuso.

Ora sai, quando è ottimale e come dovrebbe essere fatto un trapianto in modo che le tue piante si divertano a crescere con lo spazio di cui hanno bisogno.