Ci sono molte gare e coppe di cannabis che si svolgono durante tutto l'anno e in quest'articolo abbiamo voluto contribuire, nel nostro piccolo, fornendo alcuni suggerimenti per fare una degustazione di marijuana.

Fattori esterni che possono influire sulla degustazione della marijuana

degustazione marijuana

Il posto e il momento per fare la degustazione di marijuana sono più importanti di quanto possiamo immaginare. Per fare una degustazione piacevole e consapevole, dobbiamo fornire ai nostri sensi uno stato di rilassamento ideale, che consenta la massima concentrazione, e quindi abbiamo bisogno di un posto tranquillo.

L'ambiente ideale

Pertanto, il luogo ideale per fare una buona degustazione di marijuana dovrebbe essere una stanza che ci consenta comfort e relax.

Per questo, la temperatura ambiente deve essere di circa 21-22 ° C e l'umidità relativa vicina al 60%. Se si trovassero al di fuori di questi intervalli, la mucosa nasale potrebbe essere disidratata e la sensibilità olfattiva e gustativa potrebbe essere compromessa, oppure gli aromi potrebbero essere meno apprezzati, a causa di una minore volatilità dei composti aromatici.
Per esaminare convenientemente il campione avremo bisogno di un tavolo per poter mettere i campioni e se possibile, su uno sfondo bianco, quindi è più facile contrastare le sfumature di colori presentate da ciascun campione.

La luce più adatta

L'illuminazione è importante per apprezzare i colori e la luminosità dei campioni analizzati: la luce migliore è senza dubbio quella del sole.

Una degustazione di marijuana in un luogo aperto, ma che soddisfa le condizioni di cui sopra, aiuta ad aumentare il godimento dei sensi. Se non possiamo avere uno spazio naturale, è meglio farlo sotto lampade a luce diurna, che forniscono un'illuminazione bianca, essendo abbastanza neutre nel determinare le sfumature.

Il momento migliore per fare la degustazione di marijuana

Una volta trovato il posto migliore che abbiamo, è il momento di scegliere l'ora.
L'ora del giorno in cui il palato è più fresco e ricettivo ai sapori è intorno alle 12:30. I grandi mastri birrai e gli assaggiatori di vino ci insegnano questo.

La degustazione dei campioni di marijuana

Fiori Cannabis

Con il foglio dei punteggi in mano per poter scrivere le valutazioni fatte, è ora di iniziare a fare la degustazione. Ci sono 4 parametri che vengono valutati quando si determina quale fiore di cannabis è il migliore di tutti i campioni presentati, che sono in sequenza: aspetto, aroma, gusto ed effetto.

Vediamo quindi le principali caratteristiche da tenere in considerazione, quando si effettua una buona valutazione dell'aspetto del campione.

L'aspetto

Ai fini della concorrenza è evidente che devono essere presentati campioni che abbiano un aspetto imbattibile. Dovrebbero essere puliti da possibili semi, foglie e

Banana OG CBD

steli, poiché nel processo di assaggio vengono a confondere il vero sapore del cuore. Come con parassiti e funghi, l'erba deve essere priva di agenti patogeni per competere in una degustazione di marijuana, infatti una giuria di qualità deve rifiutare e non valutare campioni che non soddisfano questo requisito.

L'essiccazione

L'essiccazione è anche un altro carattere da valutare all'interno dell'aspetto, i campioni ben essiccati devono essere presentati, né bagnati né asciutti. Il bocciolo deve essere compresso e deve recuperare la spugnosità se premuto leggermente con le dita.

La genetica

Anche il carico genetico del campione è importante da prendere in considerazione nella degustazione della marijuana, poiché una varietà molto indica non ha la stessa presenza rispetto ad un'altra varietà più sativa.

È importante sapere se il campione è ben rifinito nella sua genetica, cioè che è stato in grado di estrarre la sua massima resa, al momento della raccolta nel suo preciso punto di maturità.

La resina

Dovremmo anche osservare, per quanto possibile, la quantità di resina erbacea con una lente d'ingrandimento, che indicherà anche il suo stato di maturità.

Sweet Cheese CBD

Possiamo osservare che le ghiandole resinose e le gocce di resina, da queste segregate, quando sono ottimali, assumono la forma di un chupa-chup.
Il colore della resina indicherà il suo punto di maturità
se il colore delle gocce è trasparente e indicherà che la pianta è stata tagliata nel punto più alto,:gli effetti sono più psichici, e se è giallastro all'ambra indica che il raccolto è stato più tardi, quindi gli effetti sono più pesanti.

Questo punto è piuttosto soggettivo, poiché il momento del taglio dipende dai gusti che ogni utente ha soggettivamente.
Più gocce di resina presentano per superficie una gemma, più alto sarà il contenuto di cannabinoidi nella sua composizione. Lo stesso accade con il contenuto di terpene, che sarà anche più alto più resina ci sarà.

L' aroma della marijuana

Cannabis uso ricreativo

L'Aroma è un altro grande fattore da analizzare: esso dipenderà dalla varietà, dalla modalità di coltivazione, dal tempo di raccolta, dal tipo e dalla durata dei periodi di essiccazione e stagionatura. Le erbe scarsamente raccolte e male essiccate sono le più facili da riconoscere e scartare.

Come la condizione dell'erba influisce sull'aroma

Se un campione presenta un aroma terroso o ammuffito, indica un'essiccazione e conservato in un luogo con un'umidità relativa eccessiva:d''altra parte, aromi lignicolous, cioè una cannuccia indichiamo che la varietà non è stata in grado di sviluppare la propria gamma di terpeni e cannabinoidi, quasi certamente, frutto di un cattivo raccolto.
Quando l'erba non è ancora ben essiccata e stagionata, emana sfumature di clorofilla che, una volta che la degustazione palatale è arrivata, offusca il sapore e camuffa le vere sfumature che la genetica avrebbe dovuto mostrare.

Gli eccessi degli abbonati presentano anche aromi più metallici e meno fruttati.
Quindi, con tutto ciò che è stato detto, affinché un campione abbia un aroma accettabile, deve emettere una fragranza sottile e fresca, senza sfumature ocra, fungine o terrose.

A seconda del carico genetico di ciascuna varietà e del tipo di coltura in cui si è sviluppato, dipenderà dalle sfumature aromatiche che i campioni presentano. Sono i vari terpeni insieme ai cannabinoidi che determinano la fragranza di ogni pianta.

I terpeni sono gli oli essenziali delle piante, e nella cannabis troviamo Limonene, Mircene, Linalool, Alpha e Beta pinene, Beta, cariofillene e molti altri.

Come valutare l'aroma dei campioni

Appunti Cannabis

Il modo migliore per apprezzare l'aroma è quello di portare il campione al naso e premerlo leggermente con le dita: quindi basta respirare in modo intenso la fragranza che emana la testa. Si consiglia di ripetere questa operazione più volte per estrarre al massimo le diverse sfumature che ogni campione nasconde.

Il gusto della cannabis

Prima di iniziare a elencare i passaggi da seguire per una buona degustazione palatale, è necessario tenere conto di alcuni fattori condizionanti che possono offuscare il sapore del campione. Come se fossimo i migliori sommelier, dobbiamo raggiungere certe condizioni per poter estrarre in ogni campione tutte le sue qualità organolettiche.

Il palato freddo

Una volta miscelato il campione e prima di accenderlo, è interessante fare quello che io chiamo "palato freddo", che consiste nel prendere una boccata, ma senza accendere il sigaro. È necessario inspirare a freddo attraverso il boccaglio per poter percepire la pienezza dei sapori prima di bruciare la materia vegetale.

Il momento della degustazione, il più desiderato

I buoni fumatori di sigari quando accendono il sigaro lo fanno con il legno, ma mai direttamente con l'accendino. Il gas utilizzato dagli accendini può anche influenzare il sapore del fumo inalato:
una volta che il giunto è acceso, dovrebbe bruciare in modo uniforme, ma se l'erba è un po 'umida si estinguerà in occasioni ripetute e ripetute.

Inoltre, i campioni bagnati hanno un cattivo gusto rancido.
D'altra parte l'erba secca secca perde anche qualità, provoca prurito alla gola e quando è così secca risulta troppo pressata e senza spazi impedendo al fumo di scorrere in quantità sufficiente.
Il colore del fumo è anche un altro carattere di differenziazione, che per un campione di erba ben essiccata dovrebbe essere bianco o bluastro: se l'asciugatura non è adeguata, il fumo assume toni più marroni o addirittura neri.
Per tutta la durata della degustazione è bene pulire costantemente le papille gustative
, il modo migliore è fare i gargarismi con acqua a circa 8 ° C di temperatura.

L'acqua fresca aiuta a pulire il palato e a notare il particolare "bouquet" di ogni campione.

Nell'esperienza del palato del bravo assaggiatore, le differenze di potenza sono le sfumature che ogni campione può presentare. Sapere se un campione ha alcuni tocchi a Skunk, Critical, Haze, Black Domina . è possbile solo quando sono conosciuti più di ciascuno di essi.

L'effetto della marijuana

La valutazione degli effetti della cannabis è la fase più soggettiva dell'intero processo di degustazione. Il gusto del piacere è individuale come la persona che lo sente. Per questo motivo, non ci sono parametri standardizzati quando si tratta di definire quale campione è più piacevole in termini di effetti.

Ovviamente la marijuana vincente sarà quella che ottiene il maggior numero di punti. La valutazione dei campioni ha sempre una componente soggettiva, e sarà fatta prendendo come riferimento gli altri campioni presentati all'assaggio di marijuana. Dopo aver gustato, mai detto, il contenuto gustoso del programma di oggi, ci siamo salutati, senza dimenticare di non smettere di vederci e condividere.

fonte: https://marihuanatelevision.tv