L'oidio può colpire qualsiasi parte della pianta, esso appare come una specie di "polvere bianca", che provoca deformazioni delle foglie, dei boccioli e la  mancanza di fioritura. 

È molto difficile che la pianta muoia a causa sua, ma provoca di certo una perdita considerevole, sia in termini di qualità che di  quantità delle gemme.
Quando parliamo di oidio, al contrario di quello che potremmo pensare, non ci riferiamo al nome comune di un particolare fungo, ma alla malattia causata da una serie di funghi ascomiceti: esso può infettare tutti gli organi verdi delle piante, causando però i danni maggiori sulle foglie e sulle gemme

Cos'è l'oidio?

L’oidio, conosciuto anche come muffa bianca, è una malattia delle piante; essa è causata da funghi appartenenti al genere degli Ascomiceti: il termine oidio deriva proprio dal nome scientifico, anticamente attribuito a questa particolare famiglia di funghi detta Oidium.

 L’oidio attacca molte piante dell’orto tra cui la cannabis o la canapa, le bietole, radicchio, indivia, carote, sedano, prezzemolo, finocchio e anche i cereali come il grano saraceno e l’orzo, oltre che gli alberi da frutta come per esempio il melo, la vite, ed il pesco.

 Per quanto riguarda le piante da giardino sottolineiamo che le specie più sensibili allo oidio sono il lillà, la begonia, la rosa, l’acero, il platano, l’alloro, il biancospino, l’ortensia, il crisantemo, la dalia e la calendula.

I funghi responsabili dell’oidio, invisibili all'occhio umano, producono dei filamenti da cui si sviluppano delle spore che, trasportate dal vento, diffondono l’infezione a molte specie di piante da giardino. Per questo motivo di solito l’oidio non attacca le piante da appartamento, ma solo quelle da giardino.

Oidio
Principi di Oidio

Come si manifesta l’oidio

 Esso si confonde facilmente come la muffa, anche se nelle piante di cannabis gli effetti della muffa sono molto più gravi. 

Il primo sintomo di infezione è la comparsa di macchie di polvere bianca sulla superficie della foglia: se passiamo il dito sulle macchie di polvere e le rimuoviamo facilmente, possiamo essere sicuri che si tratti di oidio.

 Queste macchie bianche sono diffuse dalle foglie e dai gambi, a tal punto che quando muoviamo le piante, vengono a rilasciare un po 'di questa polvere, simile alla cenere. 

L'oidio può causare clorosi nei tessuti infetti , simile ad alcune carenze minerali:altri sintomi possono essere: nanismo, arricciamento e perdita di foglie, scarsa fioritura.

Cosa fare contro l'oidio

Prevenzione per le coltivazioni indoor

  • Cercare di mantenere una bassa umidità.
  • Evitare la fertilizzazione eccessiva in quanto le piante più deboli sono più inclini all'attacco.
  • Installare i ventilatori in tutta la stanza, in modo che non si formino sacche d'aria umide. Infatti il movimento dell'aria ostacola l'infezione della superficie delle foglie da parte dell'oidio.
  • Rimuovere le parti della pianta colpita e anche i resti infetti dalla stanza o dall'ambiente dove sono le piante.
  • Nelle stanze soggette agli attacchi di oidio, ridurre la densità dell' impianto, in modo che tutto il fogliame sia ben ventilato.
  • Toccare le piante solo quando strettamente necessario
  • Evitare il più possibile che altre persone visitino il nostro raccolto 
  • Se è possibile isolare la pianta infetta da tutte le altre.


Oidio
Oidio in stato avanzato

Cosa fare quando l'oidio è presente nelle piante

Nebulizzatore

Se rileviamo Oidio nelle nostre piante, dobbiamo agire rapidamente, poiché esso si diffonde a una velocità vertiginosa e in pochi giorni potrebbe coprire tutto il nostro raccolto.

 La prima cosa che dobbiamo fare è rivedere tutte le nostre piante in dettaglio, eliminando le parti infette prestando attenzione a non disperdere le spore che sono in esse.

Una volta eliminate le foglie infette dobbiamo applicare un prodotto fungicida, nebulizzandolo sull'intera pianta per evitare che si sviluppino le spore rimanenti. 

Non bisogna dimenticare  di proteggersi con i guanti e una maschera durante le applicazioni e di non gettarlo mai nello scarico perché è altamente inquinante.

Non  bisogna credere che il problema sia risolto con il taglio delle foglie infette, in quanto quasi sicuramente migliaia di spore invisibili agli occhi saranno già incubate nel resto del raccolto, in attesa di svilupparsi.

Quando l'oidio si manifesta nella fase vegetativa

Nella fase vegetativa possiamo optare per un fungicida chimico, in quanto abbiamo il tempo per far smaltire alla pianta il prodotto.
A causa della persistenza del fungo bisogna adottare un potente trattamento sperando di essere ancora in tempo, sperando  che il fungo scompaia e che la pianta sia pulita al momento del raccolto.
Un esempio di trattamento chimico è Antioido Flower .

Se si decide di usare prodotti chimici è molto importante sapere che per eseguire l'applicazione bisogna usare una maschera e guanti, per precauzione considerando che si ha a che fare con degli agenti chimici.

Inoltre non bisogna buttare il prodotto in eccesso nel water o drenare perché è molto inquinante:l'ideale è portare i resti in un punto di raccolta adatto.

Ci sono coltivatori che non amano usare prodotti chimici in nessuna circostanza e in questo caso si può  fare un'accurata pulizia manuale usando un fungicida naturale come per esempio  Oidioprot o Amanitha

Quando l'oidio si manifesta nella fase di fioritura

Quando le piante sono già entrate nella loro fase di fioritura e cominciano ad avere gemme, non è più consigliabile usare fungicidi di origine chimica, poiché il loro periodo di eliminazione è molto lungo e nel raccolto ci sarebbero resti nocivi per la salute. 
Nonostante questo si può provare  a spruzzare le piante con una sostanza chimica, una o due volte, solo quando i primi segni di fioritura compaiono e poi magari usare un fungicida ecologico come Oidioprot,  che può essere utilizzato anche nella fase di crescita .

Se la raccolta è molto ravvicinata e rileviamo Oidio, non è più conveniente usare alcun tipo di fungicida e sarebbe meglio eliminare le parti interessate e raccogliere solo i germogli che sono sfuggiti all'infezione.

Un'altra cosa che possiamo fare in fioritura è abbassare l'umidità relativa, attraverso ventole e deumidificatori, cercando di farla arrivare al massimo al 50% o meno: i ventilatori possono sembrare inadeguati perché possono espandere le spore.

A volte i ventilatori sono strettamente necessari se vogliamo ridurre l'umidità, ma resta il fatto che rappresentano uno dei fattori scatenanti della diffusione dell'oidio.

In conclusione si può dire che è difficile da rimuovere completamente ma l'oidio può essere notevolmente ridotto e si può fermare la sua avanzata quando lo si prende in tempo, quindi è molto importante monitorare attentamente nostre piante e utilizzare i metodi di prevenzione.