CBD e sport rappresentano sempre più di frequente la combinazione più efficace e utilizzata per chi desidera garantire al proprio corpo un recupero ottimale, tutelando il proprio benessere psicofisico. Da tempo ormai, la stessa comunità scientifica ha ampiamente decretato l’efficacia e i benefici del cannabidiolo, derivato dalla canapa sativa che, a dispetto del THC ad azione psicoattiva e psicotropa, si rivela utile sia in caso di infortuni che per un ottimale e rapido recupero a seguito di ingenti sforzi fisici che, specie nello sport, sottopongono il fisico a un notevole stress. Non è affatto un caso se negli Stati Uniti il CBD e relativi derivati vengono ampiamente utilizzati sia nel football che nelle arti marziali miste, soprattutto in virtù delle spiccate proprietà analgesiche e antidolorifiche.

Sono dunque molteplici i benefici strettamente correlati all’assunzione di CBD in ambito sportivo, non solo per quanto concerne le attività ad elevata sollecitazione fisica ma anche per quelle che richiedono la massima lucidità e un notevole benessere psicologico, questo poiché tale  cannabinoide  è in grado di supportare al meglio anche le funzionalità cognitive.

A partire dal 2018 la stessa Agenzia Mondiale Anti-Doping ha eliminato il cannabidiolo dall’elenco delle sostanze potenzialmente tossiche, rendendone in questo modo lecito l’impiego. Ecco dunque di seguito tutti i benefici che il CBD legale è in grado di apportare a chi pratica regolarmente sport più o meno impegnativi.

In che modo il CBD può aiutare uno sportivo

ll CBD o cannabidiolo, estratto dalle  infiorescenze  femminili di cannabis sativa, appare molto apprezzato soprattutto nello sport, complici le marcate proprietà antinfiammatorie, poiché sembrerebbe accelerare i naturali processi di guarigione, riducendo eventuali infiammazioni a carico dell’apparato muscolare. Assunto al termine della prestazione sportiva, il CBD favorisce e ottimizza il recupero dell’organismo: esattamente come avverrebbe assumendo un comune integratore di origine naturale, il  cannabidiolo  somministrato anche sotto forma di olio al CBD va ad agire in maniera significativa sull’organismo, influenzando la risposta dei recettori che costituiscono il sistema endocannabinoide. Per questo motivo appare utile per favorire il recupero a seguito di un allenamento intenso come può essere quello praticato comunemente da sciatori, runners e ciclisti.

Tra i vantaggi dati dal CBD associato allo sport, compare altresì la relativa capacità di favorire il sonno migliorandone sensibilmente la qualità e riducendo di conseguenza un’eventuale insonnia. Il riposo per gli sportivi è di fondamentale importanza: a influire sull’efficacia dell’allenamento è proprio la qualità del sonno, fattore che tuttavia può essere applicato anche alla nostra quotidianità, specie in presenza di insonnia e stress. In virtù dell’azione ansiolitica e miorilassante propria del cannabidiolo, tale  cannabinoide  aiuta pertanto a distendere e rilassare il sistema nervoso, ripristinandone il naturale equilibrio psicofisico mediante la somministrazione costante e prolungata.

Il CBD o cannabidiolo è inoltre particolarmente apprezzato in ambito sportivo grazie alla sua marcata azione analgesica: svolge infatti un’azione positiva contro il dolore, apparendo al pari della marijuana terapeutica, per sportivi soggetti a dolore cronico o patologie infiammatorie provocate da traumi sportivi, spesso frequenti nelle discipline che implicano una certa “aggressività e potenza fisica”.

Come lo sport, anche il CBD aiuta inoltre a ridurre gli stati d’ansia, permettendo di ottenere benefici a livello fisico e mentale.

E se lo sport rappresenta il metodo più efficace anche per liberare l’organismo dalle tossine, chi pratica attività sportiva ad alta intensità può beneficiare grazie al cannabidiolo, dell’effetto detox durante il recupero post allenamento. Tale concetto appare valido ovviamente anche per chi pratica sport in maniera più sedentaria, magari praticando running o lunghe passeggiate a passo svelto. Il CBD agisce infatti sui recettori cannabinoidi presenti nel corpo, partecipando attivamente a tale processo di disintossicazione.

Tuttavia è sempre opportuno considerare la soggettività degli effetti dati dal CBD, questo poiché il corpo metabolizza e trasforma i cannabinoidi in maniera differente da soggetto a soggetto.

Quando assumere il CBD se si fa sport

Il  cannabidiolo  dal 2018 non è più considerata una sostanza dopante, tuttavia è sempre opportuno acquistare CBD legale e derivati depotenziati del tetracannabidiolo, questo poiché la presenza di THC nel sangue potrebbe pregiudicare la negatività degli eventuali esami effettuati a sorpresa prima di eventuali gare sportive. Sono in molti a chiedersi quando sia meglio assumere CBD per garantire le migliori prestazioni sportive: in genere è preferibile somministrare il cannabinoide la mattina dopo una colazione completa o la sera prima di coricarsi, sempre comunque a debita distanza dagli allenamenti e dalle gare e con una certa costanza. Tali tempistiche consentono al CBD di essere adeguatamente metabolizzato e di sortire di conseguenza gli effetti desiderati.

Le modalità di assunzione restano tra le più varie e non pregiudicano in alcun modo l’efficacia del principio attivo: si può assumere il  cannabidiolo  per via sublinguale, mediante olio al CBD, vaporizzato come nel caso dei cristalli al CBD o svapato utilizzando e-liquid al CBD. In alternativa si può scegliere di ricorrere all’utilizzo di tisane alla marijuana e di marijuana italiana legale, così come alla cannabis terapeutica purché sussistano i presupposti stabiliti dal Ministero della Sanità.

Benefici dell’olio al CBD per gli sportivi

Tutti gli atleti e sportivi possono usufruire del CBD in maniera efficace e sicura, che si tratti dello sportivo che pratica attività intense nel quotidiano, così come dell’”atleta occasionale” che sceglie di fare sport semplicemente per mantenersi in forma. L’olio al CBD aiuta a migliorare le prestazioni sportive, poiché lo stesso CBD detiene la capacità di ridurre l’ansia senza modificare il pensiero e l’umore. Suggerito durante le competizioni, riduce il timore di fallire mantenendo la mente acuta e attiva nel caso occorra prendere decisioni strategiche in modo estremamente rapido e immediato. Tale  cannabinoide  favorisce altresì il recupero dall’allenamento: a differenza di altre preparazioni anti-infiammatorie, il CBD non incrementa la frequenza cardiaca e non provoca disturbi a carico dello stomaco ma al contrario controlla le cause di gonfiore, infiammazione e dolore muscolare preservando le cellule muscolari. Le spiccate proprietà dell’olio al CBD nel miglioramento del sonno, rendono il recupero rapido ed efficiente mentre l’ormai nota capacità del principio attivo di bilanciare la risposta immunitaria lo rendono adatto a prevenire malattie da raffreddamento che possono disturbare la sessione di allenamento. Assumere olio al CBD agevola il recupero sia dall’allenamento che da eventuali infortuni oltre a risultare un efficace antiemetico contro la sensazione di nausea che sovente può verificarsi, specie se l’attività sportiva appare particolarmente intensa. Tale derivato comporta inoltre la cosiddetta fame chimica: agisce pertanto da stimolante dell’appetito, azione particolarmente utile per chi pratica sport da combattimento o che implicano un notevole dispendio energetico.

Combatte inoltre spasmi muscolari, traumi, danni al midollo spinale o ai nervi, così come muscoli tesi e disidratazione e in ultimo agisce come neuroprotectant, interrompendo il flusso chimico durante una concussione che può comportare la morte delle cellule cerebrali. CBDMania dispone di olio al CBD e derivati depotenziati e legali di ottima qualità: la scelta ideale per sportivi che desiderano migliorare in maniera naturale le proprie prestazioni, senza alcun tipo di rischio.

La vostra esperienza

E voi siete veri e propri atleti o praticate attività sportiva semplicemente a livello amatoriale? Avete mai fatto uso di CBD legale per migliorare le vostre prestazioni o semplicemente per distendere i muscoli riducendo la stanchezza fisica. I vostri feedback sono preziosi: raccontateci la vostra esperienza diretta in modo da promuoverne un dialogo utile e costruttivo.